Pubblicità

Certosino: razza di antica bellezza

di Redazione Quattro Zampe

Certosino

Calmo, equilibrato, intelligente e rassicurante il Certosino è un ottimo animale da compagnia, mai invadente, mai appiccicoso.

Il miagolio del Certosino è molto tenue per un animale di corporatura così massiccia: la leggenda dice che ha imparato a modularlo nella quiete dei monasteri, dove tutti parlano a bassa voce.

Ha una corporatura muscolosa, petto largo e ben sviluppato, specie nei maschi, zampe corte e forti.

Non tutti i gatti grigi o blu sono Certosini

Il grigio è un colore piuttosto diffuso in natura, originato geneticamente da una diluizione del nero, che può manifestarsi anche nel British, nell’Europeo o in altre razze – come il Blu di Russia e il Korat – che con il Certosino hanno in comune proprio l’elegante pelliccia azzurro-grigio.

La struttura e la tessitura del pelo, insieme alla conformazione fisica, sono però ben diverse.

Il Certosino ha un mantello doppio, molto morbido e vellutato al tatto, reso leggermente gonfio dal sottopelo spesso e fitto.

Il corpo è massiccio e pesante, la testa, con guance particolarmente sviluppate, ha la forma di un trapezio.

Gli occhi, grandi e ben aperti, sono di un tipico arancione scuro, che può sfumare nel color cuoio. Il Blu di Russia è un gatto snello e slanciato, dal portamento elegante, che ‘indossa’ un mantello doppio, con pelo di protezione molto lucido e setoso.

I suoi occhi a mandorla sono due smeraldi verde brillante. Il Korat ha un pelo liscio e aderente al corpo, sottile ed elastico, privo di sottopelo, e una corporatura muscolosa, di medie proporzioni. La sua testa ha la caratteristica forma a cuore e il naso presenta un leggero stop.

Protagonista di un celebre romanzoCertosino

Il Certosino è stato immortalato anche nel romanzo ‘La Chatte’ della scrittrice Colette, che lo descrive così: il mantello “malva e bluastro, come la gola dei colombi selvatici” e lo sguardo intenso dei bellissimi occhi “gialli, profondamente incastonati, sospettosi, fieri, padroni di se stessi”.

Tra i personaggi del racconto, nessuno sa ricambiare l’amore del protagonista, il giovane e ricco Alain, come Saha “comprata all’età di cinque mesi a motivo della sua testina perfetta, della sua precoce dignità”.

Non era soltanto una gattina ch’io portavo a casa – spiega lui all’ingenua Camilla, sua fidanzata e neo-sposa, gelosissima delle attenzioni riservate alla piccola rivale pelosa – ma l’intera nobiltà felina, il suo illimitato disinteresse, il suo saper vivere, le sue affinità con i più eletti tra gli umani … ”

Identikit

ORIGINE: Francia, prima del XVII secolo

ASCENDENZA: comuni gatti di casa

ALTRI NOMI: Chartreux

PESO: 3 – 5 kg la femmina, 4-8kg il maschio

IBRIDAZIONI: nessuna

TEMPERAMENTO: tranquillo ma vigile, socievole e affettuoso

Certosino

Caratteristiche

  • TESTA: grande, massiccia, di forma trapezoidale, con guance molto sviluppate, soprattutto nel maschio adulto
  • ORECCHIE: di media grandezza, larghe alla base, rivolte leggermente in avanti e arrotondate in punta
  • OCCHI: grandi, ben aperti, non troppo rotondi e leggermente inclinati verso l’alto all’estremità, vivaci e brillanti, di colore dal giallo scuro intenso al cuoio, senza tracce di verde
  • CORPO: di taglia medio-grande, massiccio e possente, solido, forte e muscoloso, con petto largo e ben sviluppato
  • MANTELLO: di tonalità dal blu-grigio pallido al grigio-blu scuro, brillante, doppio, morbido, folto e denso, leggermente sollevato dal corpo per la presenza di un sottopelo fitto e lanoso
  • ZAMPE: di media lunghezza, muscolose, con piedi grandi e rotondi
  • CODA: di media lunghezza, spessa, terminante con una punta arrotondata

Peculiarità

Impegno – Autonomo e indipendente, ama uscire all’aperto, ma vive benissimo anche in appartamento.

Cure Mediche – Appartenendo a una razza rustica e naturale, è forte e robusto; sopporta bene anche il freddo e non ha bisogno di cure particolari.

Socialità – Fiero, equilibrato e sicuro di sé, sensibile e affettuoso, è molto socievole, ma tiene anche alla sua indipendenza.

Pelo – Il suo mantello fitto e corto non richiede lunghe toelettature, basta una bella spazzolata settimanale, completata dall’uso di un guanto di gomma o di una pelle di daino inumidita, per rimuovere l’eccesso di peli morti; solo nel periodo della muta, particolarmente abbondante, va pettinato spesso e con un po’ più di attenzione.

Vuoi saperne di più sul Certosino?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di novembre del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

 

 

 

A cura di Giulia Settimo

Foto Roberto Della Vite

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram