Pubblicità

Come scegliere un dog/cat sitter

di Redazione Quattro Zampe

pet sitter

Prendere in affidamento un pet comporta inevitabilmente delle responsabilità, che tendono a sommarsi ai già numerosi impegni quotidiani. Soprattutto in contesti urbani, allevare un cane o un gatto significa assicurargli le giuste cure tra le mura domestiche, conciliando tempi ed esigenze.

Uno stile di vita frenetico come quello cittadino infatti, oltre a nuocere ai diretti interessati, si ripercuote sugli animali domestici, troppo spesso abbandonati a casa e trattati come dei passatempi temporanei.

dog sitter

Con un peloso per casa, anche un appuntamento di lavoro imprevisto, un week end fuori porta o qualsiasi altro pretesto che ci costringa lontano dall’abitazione, rappresenta motivo di preoccupazione.

La figura del pet sitter diviene dunque essenziale per vivere serenamente in società e sopperire alle proprie mancanze, garantendo ugualmente ai cuccioli le attenzioni e l’amore necessari a crescere bene e in salute.

I requisiti del bravo pet sitter

per sitter

Il pet sitter non è altro che il sostituto, a tempo determinato, del proprietario dell’amico a quattro zampe. In sua assenza dovrà assumersi tutte le responsabilità del caso, cercando di far sentire il pet a proprio agio, senza fargli mancare nulla.

Non sempre capita di avere parenti o conoscenti, disposti ad accudire il gatto e il cane al posto nostro. Ostacoli logistici dovuti alla distanza, ai differenti orari o alla semplice inesperienza, potrebbero mettere i bastoni tra le ruote. In questi casi, rivolgersi ad un professionista sarà d’obbligo.

dog sitter

Tra i requisiti imprescindibili che ogni cat/dog sitter dovrebbe avere, vanno sicuramente annoverati:

  1. Esperienza:

È il primo fattore da tenere in considerazione quando si deciderà di contattare un professionista qualificato. Avere accudito già altri animali domestici costituirà un valore aggiunto.

  1. Referenze:

Il giudizio dei clienti precedenti è fondamentale per comprendere l’effettiva professionalità della persona che ci troveremo davanti.

  1. Certificazioni

Alcune realtà nazionali ed internazionali istituiscono corsi di formazione e certificano le capacità del pet sitter con appositi test di valutazione.

  1. Personale di riserva

Un bravo dog sitter dovrà avere a disposizione, a sua volta, personale sostitutivo in caso debba assentarsi. Una sorta di supplenza in caso di malore, partenza improvvisa o qualsiasi altro impedimento che non gli consenta di presenziare nel momento del bisogno.

  1. Piano e recapiti d’emergenza

Fido e Micio potrebbero aver bisogno di cure ed assistenza immediate. Sarà premura del pet sitter chiedere al proprietario tutte le informazioni necessarie inerenti alla salute degli animali, così come i riferimenti del veterinario di fiducia.

cat sitter

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram