Pubblicità

Endocardiosi, quando il cuore non va

di Redazione Quattro Zampe

Endocardiosi

L’Endocardiosi è un processo degenerativo cronico a carico di una o più valvole del cuore. È la più frequente malattia cardiaca del cane e colpisce in particolare soggetti di piccola taglia (Cavalier King Charles Spaniel, Yorkshire Terrier, Barbone e altri) in età media o avanzata.

È caratterizzata da un processo di progressiva deformazione dei lembi valvolari, che comporta un difetto di chiusura da parte della valvola colpita, con conseguente alterazione della normale distribuzione del sangue nelle diverse camere cardiache.

Queste alterazioni dell’emodinamica, fino a un certo punto sono compensate e del tutto asintomatiche. Poi, col peggioramento della malattia (il più delle volte lento) diventano responsabili dell’insorgenza dei sintomi e, se non trattate, possono comportare un progressivo aggravamento della situazione clinica, fino a esitare in insufficienza cardiaca, che talora potrà manifestarsi in modi drammatici (edema polmonare).

La valvola più frequentemente colpita è la mitrale, ma non è raro che siano contemporaneamente interessate più strutture (mitrale e tricuspide).Endocardiosi

Il veterinario può accorgersi del problema durante controlli di routine (si rileverà un “soffio cardiaco”) nel paziente clinicamente sano, oppure in una visita richiesta dal proprietario, che riferisce alcuni sintomi (scarsa resistenza alla fatica, tosse secca, più raramente gonfiore addominale).

L’ascoltazione del cuore può dare un’idea piuttosto precisa della malattia, ma da sola non è sufficiente per la sua stadiazione; l’intensità del soffio, infatti, non sempre è proporzionale alla gravità, e non è raro reperire rumori cardiaci molto importanti in pazienti ancora del tutto asintomatici.

Per una definizione completa del problema saranno necessari esami radiografici del torace (il cuore può manifestare alterazioni, così come polmoni e grossi vasi) ed ecocardiografia (l’unico esame che ci mostra l’anatomia interna del cuore e il flusso di sangue nelle varie cavità), eseguiti i quali, il veterinario deciderà se e come intervenire con una terapia.

Come curare l’encocardiosi

La cura potrà puntare nei casi più lievi a stabilizzare l’emodinamica e rallentare l’aggravamento, mentre sarà mirata al controllo dello scompenso nei casi più avanzati.

Sull’opportunità di cure “preventive” da svolgere su pazienti ancora perfettamente compensati ci sono opinioni discordanti.

I farmaci più impiegati nelle forme lievi sono Ace-inibitori e diuretici a basse dosi, mentre nelle situazioni più gravi le terapie verranno modulate secondo il tipo e l’intensità dei disturbi, fino all’impiego dei farmaci dell’urgenza in caso di scompenso grave, al quale bisogna cercare in tutti i modi di non arrivare mai, cadenzando nel soggetto ammalato, ma ancora clinicamente stabile dei controlli cardiologici ogni 6-12 mesi.

 

 

 

A cura di Alessandro Arrighi

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram