La Giornata Mondiale del Cane: tre modi di festeggiare.

di Claudia Ferronato

giornata mondiale del cane

Ieri si festeggiava la Giornata Mondiale del Cane.
Ed è stata celebrata in ogni parte del mondo.
E sono stati tantissimi i post che, nei social media, hanno sottolineato quanto i cani rappresentino per noi umani.
Nell’occasione, abbiamo scelto tre modi assai diversi di interpretare questa ricorrenza.

giornata mondiale del cane

I cani letterari

Il sito Libreriamo, per esempio, ha pensato di indicare gli 11 libri di tutti i tempi in cui si ritraggono meglio i cani, una scelta tratta dal sito Bustle.
I protagonisti sono: Lassie da “Torna a casa Lassie”,  Toto de “Il Mago di Oz”, Tock da “The phantom Toll Booth”.
Ma c’è anche l’indimenticabile Terranova Nana di “Peter Pan”, e non manca “Zanna Gialla”.
A seguirli: “Shiloh”, Fang da “Harry Potter e la pietra filosofale”, “Risby” e il protagonista di “A causa di Winn-Dixie”.
Chiudono l’elenco da leggere: Buck da “Il richiamo della foresta” e, immancabile, Argo il fedele cane di Ulisse nell’ “Odissea”.

Le foto di Elliott Erwitt a Treviso

A Treviso la ricorrenza è stata ricordata nel corso della promozione dell’esposizione “Elliott Erwitt: i cani sono come gli umani, solo con più capelli”.
La mostra sarà inaugurata il 22 settembre a Casa dei Carraresi e sarà dedicata agli scatti del fotografo franco-americano che hanno per protagonisti i cani.
Il percorso espositivo è curato da Marco Minuz, appassionato cinofilo, e sarà visitabile fino al 3 febbraio 2019.

I cani nel campus

Una tra le idee più originali proviene dal Costa Rica, e più esattamente dall’Università Latinoamericana di Scienza e Tecnologia di San Josè.
L’ateneo ha concesso di portare nel campus e, addirittura a lezione i loro cani, a patto che non disturbino.
Un progetto che parte da un concetto: permettere a insegnanti, studenti e impiegati di passare più tempo con i propri animali da compagnia.

In Costa Rica il 50% delle famiglie ha un cane

In Costa Rica metà delle famiglie ha un cane in casa, perciò l’iniziativa è particolarmente sentita.
E’ in atto da un mese circa e sta proseguendo in modo esemplare, senza reclami o segnalazioni.
Gli studenti hanno affermato che il loro umore è migliorato rispetto a quando dovevano lasciare il cane a casa.
Ovviamente la partecipazione del quattro zampe è consentita attraverso l’adesione a una normativa precisa che prevede anche un certificato veterinario che attesti la salute del cane, la compilazione di un modulo apposito, un kit pulizia sempre disponibile e il versamento di una piccola tassa, pari 10 dollari.
E l’Università annuncia l’intenzione di aprire anche un asilo per consentire ai cani un’esperienza più rilassante rispetto alle lezioni in aula.

Info:
Libreriamo

Casa dei Carraresi – Treviso

 

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram