Lagotto Romagnolo

di Sofia Golden

Riccio, con un aspetto vagamente selvaggio, il Lagotto Romagnolo sembra un artista. Ed è un artista della vita, dotato di una buona filosofia: ottimismo per prendere sempre e solo il meglio, e creatività per aggiungere un pizzico di colore o una nota allegra quando serve. Non potrebbe mai rinunciare alla buona compagnia e a un pizzico di libertà, per il resto si adatta a tutto.

Pubblicità

Il Lagotto Romagnolo è un ex-cane da caccia che ha trovato nella ricerca del tartufo la sua vera realizzazione professionale.

Le grandi bonifiche iniziate verso la fine dell’Ottocento e compiute, poi, in età fascista, hanno cambiato radicalmente l’economia del territorio e reso necessario un adeguamento.

E il Lagotto Romagnolo non si è lasciato sfuggire l’opportunità di farsi valere anche in situazioni diverse da quelle più prettamente palustri alle quali era sempre stato abituato, anzi per le quali era stato selezionato.

Da cane da cerca e da acqua, il Lagotto Romagnolo si trasforma, grazie a un olfatto molto sviluppato e a un’ottima capacità di interazione e dialogo con il suo proprietario, in un formidabile scovatore di tartufi.

Ma il suo carattere solare e aperto, la sua voglia di compiacere il padrone, di ubbidirgli e di seguirlo ovunque gli hanno spalancato le porte di tante altre opportunità. Una su tutte un posto privilegiato accanto all’uomo, che in lui trova un gran compagno di giochi e di avventure. È il primo a proporre un punto di incontro: è un pacifista col quale risulta abbastanza difficile litigare, perché non vuol convincere nessuno, chiede solo di essere amato, rispettato e di poter condividere con noi quanto più tempo possibile.

È un ottimista, uno di quelli a cui inevitabilmente la vita sorride. È molto sensibile, quindi, si irrigidisce se trattato bruscamente, cosa peraltro abbastanza inutile perché a lui basta capire cosa ci si aspetta, cosa si desidera e qual è il suo ruolo, il suo posto in casa.

Il suo aspetto è assolutamente moderno, fosse anche solo perché non va in muta e non perde il pelo. Aspetto pratico non da poco, anche perché riduce moltissimo il problema delle allergie. Il suo sguardo dolce è molto rassicurante, sembra dica “di me ti puoi fidare”. Adora i bambini di cui cerca immediatamente la complicità.

La Scheda tecnica del Lagotto Romagnolo

  • Razza: Lagotto Romagnolo
  • Origine: Italia
  • Impiego: cane specializzato nella cerca del tartufo su qualsiasi terreno
  • Taglia: da 43 a 48 cm per i maschi e da 41 a 46 cm per le femmine
  • Peso: da 13 a 16 kg per i maschi e da 11 a 14 kg per le femmine
  • Aspetto generale: è un cane di dimensioni medio piccole, costruito nel quadrato e di corporatura ben proporzionata; la sua caratteristica principale è il pelo fitto e ricciuto e con tessitura lanosa, idrorepellente, considerate le sue origine di cane utilizzato nel riporto dall’acqua.

Caratteristiche del Lagotto Romagnolo

  • Orecchie: un po’ grandi se rapportate alla testa, la base è leggermente larga e tendono a disegnare un triangolo; sono portate pendenti a riposo
    e leggermente sollevate in attenzione
  • Testa: moderatamente massiccia, le linee superiori sono leggermente divergenti; il cranio si presenta largo agli zigomi e, visto frontalmente e di profilo, è arcuato. Lo stop naso frontale è evidente, sebbene non troppo accentuato.
  • Occhi: grandi, di forma rotondeggiante e un filo affioranti; di colore che va dall’ocra al nocciola scuro e al marrone in base al colore del mantello, denotano un’espressione attenta, intelligente e vivace
  • Zampe: le anteriori sono muscolose e in appiombo; i piedi rotondeggianti, compatti e con dita arcuate e raccolte. Le zampe posteriori ben in appiombo e potenti
  • Linea superiore del tronco: è rettilinea, con dorso muscoloso; la groppa è lunga, larga e muscolosa
  • Tartufo: voluminoso, con narici ampie, aperte e mobili
  • Collo: è forte, muscoloso e asciutto; superiormente è un filo arcuato ed è privo di giogaia
  • Coda: inserita a metà altezza, lunga fino al garretto, in attenzione è rialzata, ma mai incurvata ad anello.

Aspetto Generale

Carattere del Lagotto Romagnolo

Il Lagotto è un cane docile, dolce, simpatico e affettuoso, molto attaccato al padrone e di facile addestrabilità; oltre a essere un ottimo cane da tartufi, dimostra di essere anche un cane da compagnia e da allarme verso gli estranei.

Cure per il Lagotto Romagnolo

Il Lagotto Romagnolo è un cane rustico ed estremamente adattabile. Non necessita di molte cure, anche se è un cane da lavoro, quindi ha bisogno di movimento e di un “compito”. Il suo pelo tende a infeltrirsi, quindi è necessaria una tosatura completa ogni anno e l’eliminazione periodica del pelo e del sottopelo infeltriti. Non ha pretese alimentari e anche in questo caso è facilmente adattabile.

Mantello del Lagotto Romagnolo

Il pelo è semiruvido in superficie e con tessitura lanosa; arricciato in maniera molto stretta, incurvato ad anello e con sottopelo evidente; non deve essere intrecciato in maniera da formare boccoli o cordicelle. I colori sono: bianco sporco unicolore, bianco a macchie marroni o arancioni, roano marrone, marrone unicolore in varie tonalità e arancio unicolore; in alcuni soggetti è presente la maschera marrone o testa di moro.

Approfondimenti:

Se vuoi scoprire altre razze canine, clicca qui

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €