Obesità: quando Fido e Micio si allargano

di Redazione Quattro Zampe

Obesità

L’obesità è definita come “una condizione patologica caratterizzata da un eccessivo deposito di grasso che porta a modificazioni di varie funzioni corporee”. Secondo recenti studi, questa patologia si sta diffondendo a macchia d’olio anche tra i nostri amici pelosi. Basti pensare che in Italia un gatto su tre è obeso e nella popolazione canina il 25-45% dei cani è colpito da questa grave patologia. Questo disturbo nutrizionale si verifica nel momento in cui l’animale ingerisce più calorie di quante poi ne riesca a consumare.

Quando si supera il limite L’eccesso di energia nell’alimento comporta un deposito di trigliceridi nel tessuto adiposo. Un soggetto che superi del 10-20% il proprio peso ideale è da considerarsi in sovrappeso; mentre, invece, quando il peso corporeo supera del 20% o più il peso ideale, il soggetto è da considerarsi obeso.

Il sondaggio

ObesitàSecondo un sondaggio promosso da “Hill’s Pet Nutrition” per “YouGov”, su un campione di 4.300 animali europei, fra i quali 1.300 italiani, è emerso che il 29% di questi è consapevole dell’obesità del proprio pet, ma la maggior parte dei proprietari non è in grado di indicare quale sia lo standard ideale di peso corporeo del proprio animale domestico. Inoltre, sono emersi dati interessanti secondo i quali il 26% dei proprietari dà avanzi da tavola giornalmente al proprio pet e il 28% aggiunge “extra fuori pasto” di ogni genere e tipo con regolarità.

Fattori di rischio nei cani e nei gatti

L’obesità è caratterizzata da numerosi e molteplici fattori di rischio. Innanzitutto la razza è un fattore di rischio sia nella specie canina che in quella felina. Nel cane sono maggiormente colpiti i cani di razza rispetto ai meticci, mentre nei felini sono più colpiti i meticci. Le razze canine e feline possono essere predisposte o meno all’obesità anche a causa di fattori genetici e, nello specifico, in base al rapporto massa magra/massa grassa, diverso per ogni razza, che è necessario per stabilire il fabbisogno energetico giornaliero nella fase di mantenimento. Anche i fattori genetici predispongono alcune razze all’obesità, in quanto sembra che alcuni fattori genetici siano legati a un meccanismo ereditario poligenico che aumenta il rischio di questa patologia.

Aumenta con l’età…

ObesitàLa frequenza di animali obesi aumenta con il progredire dell’età. Nel cane i soggetti maggiormente colpiti sono quelli di età superiore agli 8 anni, per quanto riguarda i gatti, invece, l’età più a rischio è tra i 5 e gli 11 anni. Cuccioli e gattini in sovrappeso avranno maggiori possibilità di essere obesi da adulti, in quanto tenderanno a conservare la tendenza a mangiare troppo. Avranno, inoltre, accumulato già da cuccioli un numero elevato di cellule di grasso.

…e con sedentarietà e la sterilizzazione

Le cagne e i gatti maschi sono maggiormente predisposti a questa patologia soprattutto se vengono tenuti in appartamento. Il rischio aumenta se le cagne o i gatti sono sterilizzati. Gli ormoni sessuali non influiscono direttamente sul metabolismo, ma hanno un impatto diretto sul peso corporeo a livello del sistema nervoso centrale. Gli estrogeni, infatti, esercitano un effetto inibitorio sull’assunzione di cibo.

Assunzione di sostanze e farmaci

Alimentazione dei nostri caniSecondo alcuni autori la somministrazione del medrossiprogesterone può causare l’obesità nelle cagne sottoposte al trattamento. Anche nel gatto la somministrazione di progestinici è una delle possibili cause di aumento del peso, ma il fattore più comune che porta all’obesità è l’incremento nel plasma della prolattina e dei fattori di crescita insulino-simili- 1(Igf-1). Anche i farmaci come gli antiepilettici o i cortisonici possono portare un aumento dell’appetito (polifagia) e quindi, a lungo andare, obesità.

I nostri animali domestici hanno smesso di svolgere tutte quelle attività che normalmente e quotidianamente svolgevano in natura (cacciare) e che permetteva loro di rimanere in forma. Quindi la mancanza di esercizio fisico e una vita piuttosto sedentaria sono fattori che predispongono all’obesità.

Di solito gli animali che vivono in appartamento hanno una probabilità maggiore di essere in sovrappeso, ma questa non è una verità assoluta. Spesso, infatti, i cani che vivono in appartamento escono più volte al giorno rispetto a quelli che hanno un giardino a disposizione.

Una somministrazione eccessiva rispetto al fabbisogno quotidiano dell’animale, alimenti troppo energetici, ad elevato contenuto di grassi e carboidrati, somministrazione di snack e integratori senza controllo e un’alimentazione “ad libitum” possono predisporre l’animale all’obesità.

 

 

 

di Valentina Maggio

Nutrizionista cane e gatto e Istruttore cinofilo

Foto da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Il benessere dei nostri animali parte dalla ciotola

Cibi pensati per soddisfare ogni esigenza, garantire l...

Quattro Zampe su Instagram