Pubblicità

Sensibilità alimentari? Ecco la soluzione per cani e gatti

di Redazione Quattro Zampe

Essere sensibili a componenti specifiche può compromettere il benessere dei nostri amici a quattro zampe a partire dalla delicata fase dello svezzamento: la soluzione passa attraverso la scelta di un programma nutrizionale che minimizzi tale rischio e favorisca una crescita armonica ed equilibrata. 

Sempre più animali si mostrano “sensibili” ad alcuni alimenti, in ogni fase della loro vita. Nel caso il nostro cucciolo, sin dai primi momenti di vita, mostri sensibilità nei confronti di cereali, glutine o proteine specifiche sarà utile alimentarlo con un alimento che non apporti tali componenti pur garantendo una nutrizione adeguata

Nel passaggio all’età adulta e pertanto all’alimentazione di mantenimento, sempre su consiglio del proprio veterinario, è importante, poi, mantenere la cosiddetta “continuità nutrizionale”, per limitare il rischio di reazioni avverse che potrebbero compromettere il benessere dell’animale. Che cosa significa? Scegliere un alimento che includa sempre la stessa fonte proteica.

Ecco come scegliere l’alimentazione 

Per rispettare queste specifiche necessità Prolife ha ampliato la propria gamma di alimenti per cani sensibili, con quattro nuove referenze che consentono al pet owner di proseguire il programma nutrizionale iniziato con lo svezzamento anche durante l’età adulta, potendo contare sull’impiego della medesima fonte proteica da carni fresche disossate e pesce fresco diliscato.

La delicata fase dello svezzamento

Sin dalla nascita e durante tutta la fase dell’accrescimento i cuccioli possono manifestare fenomeni di ipersensibilità alimentare con manifestazioni gastrointestinali cutanee. La linea Prolife Grain Free si arricchisce con Puppy Sensitive Pork & Potato, disponibile in versione mini, per cuccioli di piccola taglia, e medium-large, per le taglie medie e grandi. 
Si tratta di un alimento molto appetibile perché ricco di maiale fresco disossato, naturalmente molto gradito dal cane; le pezzature utilizzate negli alimenti Prolife derivano da capi allevati e macellati in Italia ed essendo lavorate dal fresco sono in grado di assicurare all’alimento un sapore molto apprezzato, senza l’aggiunta di additivi artificiali che ne esaltino il gusto. Il nostro paese può infatti vantare una lunga e raffinata tradizione nella lavorazione di queste carni. Appartiene alla specie Sus scrofa domesticus, della famiglia Suidae le cui origini sono ritenute antichissime; molti ritengono infatti che questo tipo di maiale derivi direttamente dal cinghiale (Sus scrofa o anche Sus ferus), animale presente in vari continenti da tempo immemorabile. In passato la carne di maiale era considerata un ingrediente ricco di grassi e pertanto poco sana. Oggi si è arrivati a rivalutarla per l’elevato valore biologico delle proteine che apporta ma anche per la quantità di grassi saturi, molto più bassa rispetto al passato, dovuta ai progressivi cambiamenti nell’alimentazione dei suini. Un’altra delle caratteristiche che rendono pregevole la carne suina è la fibra della sua struttura muscolare: il tessuto connettivo nel maiale è presente in maniera minore rispetto ad altri tipi di carne e la rende molto più digeribile e assimilabile dall’organismo. Risulta, inoltre, molto ricca di vitamina B2, B6, B12, vitamina D, oltre a registrare un buon contenuto di minerali: ferro, rame, zinco, selenio.
Anche i carboidrati sono fondamentali per il corretto accrescimento; nel caso di soggetti sensibili è necessario che siano privi di glutine. Le patate apportano preziosi carboidrati, nutrienti fondamentali nelle fasi di crescita, privi di glutine, per rispettare la loro natura e le esigenze dei soggetti sensibili. 

La nuova soluzione nutrizionale per il mantenimento

Per il cane adulto sensibile è stato formulato il nuovo Prolife Sensitive Adult Lamb & Rice, anche questo nelle due versioni mini e medium-large. È ricco di agnello fresco disossato e riso, come il corrispondente alimento per cuccioli, per garantire un continuum nutrizionale nelle varie fasi biologiche. L’agnello utilizzato è di origine italiana e viene lavorato secondo rigidi standard che ne fanno una materia prima di elevata qualità. Appartiene alla specie Ovis aries, molto diffusa in alcune regioni italiane. La carne di agnello è poco grassa e molto saporita, ricca di calcio, ferro, vitamine del gruppo B e con poche calorie; ha un gusto molto delicato, naturale e dalla consistenza estremamente tenera. Nei pet, come nell’uomo, è consigliata per soggetti in crescita in quanto aiuta a rafforzare la muscolatura e perché possiede un alto valore nutritivo, è facilmente digeribile e ben tollerata da chi soffre di sensibilità e allergie alimentari.
Prolife rinnova ogni giorno il proprio impegno nel segno della trasparenza e della tracciabilità; per questo è possibile conoscere l’origine di tutte le materie prime incluse negli alimenti Prolife inquadrando il QR code presente in ogni confezione o visitando il sito www.prolife-pet.it

Per conoscere tutte le caratteristiche della linea Prolife visita il sito www.prolife-pet.it

Per approfondire

www.prolife-pet.it

© Riproduzione riservata.

Contenuto Sponsorizzato.

Partner

I più letti

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram