Pubblicità

Comperare cuccioli: ci sono garanzie?

di Redazione Quattro Zampe

comperare cuccioli

Sempre più spesso, purtroppo, ci viene richiesta consulenza su controversie in merito all’acquisto di di cuccioli che una volta portati a casa risultano non perfettamente sani. L’acquirente vorrebbe sempre ottenere il rimborso del prezzo e il risarcimento di tutti i danni patiti a causa dei vizi rilevati sul cucciolo. Il venditore, dal canto suo, è tenuto a garantire l’assenza di vizi nel bene venduto. Questo cosa significa? Se il cucciolo è costato, per esempio, 1.000,00 euro, e le spese per curarlo -tra visite, esami strumentali, operazioni e medicine- ammontano a ulteriori 2.000,00 euro, come funziona? Il venditore è tenuto a pagare qualcosa? Quanto? Per capire i meccanismi della disciplina è necessario fare riferimento alla legge.

Garanzia da viziGattino nella lettiera

La garanzia per vizi è regolata dagli articoli 1490 e seguenti del Codice Civile. In particolare, è bene sottolineare che: “il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all’uso al quale è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore” e, nel caso sia rilevato un vizio, “il compratore può domandare a sua scelta la risoluzione del contratto o la riduzione del prezzo”.

Risoluzione del contratto

In caso di risoluzione del contratto “il venditore deve restituire il prezzo e rimborsare al compratore le spese e i pagamenti legittimamente fatti per la vendita. Il compratore deve restituire la cosa, se questa non è perita in conseguenza dei vizi”. In ogni caso “il venditore è tenuto a risarcire il danno al compratore, se non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa” (Cfr. artt. 1490 e ss. c.c.).

Risarcimento danni

donna-con-cuccioloNon è un caso che i termini utilizzati dal legislatore siano differenti, poiché differenti sono anche le eventualità previste. Da un lato vi è l’azione di garanzia che, a prescindere dalla presenza di colpa del venditore, è indirizzata soltanto a eliminare lo squilibrio venuto a crearsi a causa del vizio riscontrato sull’animale: in tal caso l’acquirente ha diritto alla restituzione di tutto o parte del prezzo di acquisto versato, a seconda della gravità del vizio. Dall’altro, invece, c’è l’azione risarcitoria, la quale presuppone che vi sia colpa nella condotta del venditore e si estende a tutti i danni subiti dall’acquirente.

Condotta colposa del venditore

In sostanza: se il vizio c’è, ma non vi è alcuna colpa ascrivibile al venditore, questi sarà tenuto a rimborsare parte del prezzo d’acquisto (entro il limite di quanto ricevuto) oppure a sostituire il cucciolo con uno che non presenti vizi.

Se invece è riscontrabile una condotta colposa da parte del venditore, allora l’acquirente potrà richiedere anche il risarcimento degli ulteriori danni subiti a causa dei vizi rilevati.

Per informazioni

Claudia Taccani – Avvocato e responsabile Sportello legale Oipa
sportellolegale@oipa.org
www.oipa.org

 

 

 

a cura di Claudia Taccani

immagini da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram