Taglio delle orecchie e della coda: è maltrattamento!

di Redazione Quattro Zampe

Taglio orecchie

Per legge gli interventi chirurgici destinati a modificare l’aspetto di un animale d’affezione sono vietati. Tutto questo grazie alla Convenzione Europea di Strasburgo del 1987 per la protezione degli animali da compagnia, ratificata nel nostro paese con legge numero 201 del 4 novembre 2010, che prevede, tra i relativi dettati, il divieto di interventi chirurgici destinati a modificare l’aspetto o finalizzati ad altri scopi non curativi, quale per esempio, il taglio della coda, orecchie, corde vocali, unghie e denti.

Denunce per maltrattamento

Claudia-TaccaniGrazie alla normativa citata è possibile, pertanto, denunciare per maltrattamento eventuali violazioni, in modo da sconfiggere un triste “trend” che, impone, per alcune razze, il taglio di orecchie e coda al fine di rendere il quatto zampe più bello. È bene, tuttavia, sapere che la normativa citata prevede delle deroghe al divieto: se un veterinario considera e certifica che, un intervento non curativo sia necessario, sia per ragioni di medicina veterinaria, ovvero per impedire la riproduzione, allora è possibile procedere in tal senso.

Divieto assoluto per fini estetici

A questo proposito, il Ministero della Salute, con l’entrata in vigore della normativa europea, ha emesso specifica circolare interpretativa, mediante la quale viene ribadito il divieto assoluto di ricorrere a interventi chirurgici a scopo estetico sugli animali da compagnia e, in riferimento alla caudotomia (taglio di coda), specifica la possibilità di procedere sui cani impiegati in talune attività di lavoro, nonché in quelle di natura sportivo-venatoria, perché spesso svolte in condizioni ambientali particolari, come zone con fitta vegetazione che, comportando un elevato impegno motorio, espone l’animale a maggiori rischi di fratture e lacerazioni.

Eventuali deroghe solo se certificate

La circolare ministeriale prosegue specificando che il medico veterinario potrà ricorrere a interventi di caudotomia a scopo preventivo sui cani impiegati in determinate attività, mediante anestesia ed entro la prima settimana di vita del quattro zampe, rilasciando certificato giustificativo. In definitiva la legge è chiara, nessuna “mutilazione” per scopo estetico ed eventuali deroghe devono essere certificate: in caso contrario scatta il reato di maltrattamento di animali, previsto dal nostro Codice Penale.

Taglio vietato anche da regolamenti

taglio-orecchie (2)Ma andiamo oltre. Anche diversi Regolamenti comunali per la tutela del benessere animale prevedono il divieto esplicito di interventi chirurgici a scopo estetico, con tanto di sanzioni salate in caso di trasgressione. Così, per esempio, la città di Roma, nel regolamento di tutela animale voluto fortemente dall’allora delegata del sindaco, Monica Cirinnà (ha istituito il primo ufficio diritti animali d’Italia, oggi è senatrice della Repubblica) prevede che “è vietato tagliare o modificare code o orecchie di animali domestici, tagliare la prima falange del dito dei gatti ovvero operare la devocalizzazione”.

Responsabile anche il veterinario

Diverse città hanno seguito la Capitale, prevedendo, come la città di Ferrara che, in caso di interventi non necessari, anche il veterinario è ritenuto responsabile per legge e sotto il profilo disciplinare, essendo il professionista sottoposto a un Codice Deontologico. Inoltre, in caso di emissione di certificati falsi, scatterebbe anche l’ipotesi di reato di falsità ideologica in certificati.

Expo milanese con regole chiare

A Milano, mesi fa, è stata organizzata una importante mostra cinofila internazionale e, il relativo regolamento, in adempimento della corposa normativa, aveva espressamente disposto che l’eventuale partecipazione di cani con orecchie tagliate, doveva necessariamente essere accompagnata da certificato veterinario attestante la “conchectomia” per motivi curativi. Tale obbligo era esteso a cani di allevamenti italiani e di quelli esteri soggetti alla convenzione di Strasburgo.

Certificati non regolari

Il risultato a seguito di accertamenti e verifiche sui documenti prodotti dai partecipanti è stato quello di riscontrare dei certificati non regolari.

Auspichiamo che, grazie ai controlli in queste manifestazioni e non solo, la pratica del taglio coda\orecchie vada in disuso.

Acquistare solo animali integri

Concludiamo con un consiglio pratico: in caso di acquisto di un animale da compagnia lo stesso deve essere consegnato e mantenuto “integro esteticamente”, salvo deroghe motivate, come spiegato in premessa e, come da normativa, eventuali violazioni devono essere segnalate senza indugio alle autorità competenti, per procedere con opportune indagini nei confronti dei trasgressori.

 

info

Claudia Taccani

Avvocato e responsabile

Sportello legale Oipa

sportellolegale@oipa.org

www.oipa.org

 

 

 

Foto da Shutterstock.com

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €