Pubblicità

Devon Rex: identikit di un amore

di Redazione Quattro Zampe

Il Devon Rex è un gatto splendido, con una linea e un portamento unici, tanto quanto il suo carattere e la sua personalità. Impariamo a conoscerlo con il nostro Identikit.

  • ORIGINE: Gran Bretagna, 1960
  • ASCENDENZA: gatti randagi e di casa portatori di una mutazione spontanea
  • PESO: 3-5 kg
  • IBRIDAZIONI: nessuna
  • TEMPERAMENTO: superaffettuoso, sensibile, allegro, estroverso, giocherellone

Devon RexTESTA: piuttosto piccola, cuneiforme, con muso largo e corto, zigomi prominenti, collo sottile e muscoloso, cuscinetti dei baffi ben pronunciati

ORECCHIE: molto grandi, ben distanziate e allargate alla base, coperte da pelo sottile

OCCHI: grandi, leggermente ovali e obliqui verso il bordo esterno, espressivi e luminosi, di colore brillante e intenso

BAFFI E VIBRISSE: corti e arricciati

CORPO: di taglia medio-piccola, minuto ma sodo e muscoloso, con petto ampio e arrotondato

MANTELLO: molto corto, fine e vellutato, increspato e ondulato

COLORI: tutte le varietà di colore e disegno (quella di tipo Siamese si chiama anche Si-Rex)

ZAMPE: piuttosto lunghe e sottili, con muscolatura potente, piedi piccoli e ovali

CODA: lunga e sottile, appare più voluminosa perché ricoperta di pelo ondulato.

 

  • CURE MEDICHE: per nulla gracile, necessita solo di un’accurata pulizia dei grandi padiglioni auricolari e degli occhi; poiché soffre gli sbalzi di temperatura, la sua cuccia, con una morbida copertina, va sistemata in un ambiente riscaldato, al riparo da spifferi e correnti d’aria.
  • SOCIALITÀ: allegro, estroverso, molto sensibile e affettuoso, si lega in particolare a una persona, ma adora vivere in mezzo alla gente ed è sempre disposto a farsi coccolare.
  • PELO: cortissimo e vellutato, non richiede cure particolari: per valorizzare i riccioli naturali, basta passarlo ogni tanto con una pelle di daino inumidita o con l’apposito guanto di gomma morbida.
  • IMPEGNO: nonostante l’aspetto fragile e delicato, è un gatto rustico e sano, socievole e giocherellone, che però mal sopporta la solitudine.

Curiosità Perché Rex?

Il termine Rex (utilizzato accanto al nome della razza, per identificare un mantello corto e inusuale) significa “Re” in latino ed è stato ‘inventato’ dagli allevatori di conigli. Nel 1890 un allevatore francese vendette alcuni dei suoi conigli a pelo corto al re Alberto del Belgio, che iniziò a partecipare alle esposizioni, benché il tipo di pelo dei suoi esemplari non rispettasse gli standard. Ma era pur sempre il re e, per non squalificarlo, i giudici li etichettarono come Rex.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di maggio del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

 

A cura di Giulia Settimo

Immagini da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram