La comunicazione vocale dei gatti

di Redazione Quattro Zampe

Comunicazione vocale dei gatti

I gatti comunicano con una vasta gamma di suoni che sono stati classificati dagli studiosi in diversi modi. I gatti sono tra gli animali che hanno uno dei vocabolari più vasti, vale a dire dotati di molteplici modelli di vocalizzazione, rispetto a tutte le specie carnivore. Questo può essere legato al fatto che, nell’ambiente naturale, la comunicazione vocale è fondamentale quando si passa molto del tempo della vita attiva in consizioni di scarsa illuminazione. La comunicazione vocali nei gatti è generalmente usata per per:

  • interazioni agonistiche;
  • le interazioni sessuali;
  • interazioni mamma-gattino;
  • interazioni gatto-uomo.

In generale, le tre forme di comunicazione vocale di base riconosciute sono:

I mormorii

Questi suoni sono per lo più generati con la bocca chiusa e sono generalmente utilizzati per il saluto, per attirare l’attenzione, il riconoscimento e l’approvazione. Questi suoni includono le fusa che viene utilizzate in una grande varietà di contesti e hanno anche un grande numero di diverse variazione nelle loro diverse forme. I gattini possono fare le fusa quando vengono allattati come un segno di contentezza, così la mamma può fare le fusa per rassicurare i gattini. In realtà si pensa che proprio questa potrebbe essere l’origine di questo comportamento.
Nell’età adulta, le fusa vengono usate come un saluto e segno di gratitudine; vengono spesso utilizzate anche durante l’allogrooming. Si è anche pensato che le fusa possano segnalare che, in quel momento, non è in uno stato minaccioso nei confronti delle persone e degli altri animali introno a lui. I gatti domestici fanno le fusa ad una frequenza di 25-150 vibrazioni al secondo e tutti i membri della famiglia dei felini hanno la capacità di fare le fusa. Tuttavia, a differenza di membri del gruppo Felis (i gatti più piccoli) che possono fare le fusa continuamente, i grandi gatti, come leoni, tigri, leopardi e giaguari, possono solo farle mentre espirano.
In questa categoria di suoni rientrano anche quei simpatici versi che spesso i gatti emettono, molto simili a un trillo o a un cinguettio: i gatti li usano per salutare in modo allegro e cordiale.

I miagolii

Il gatto ha una vastissima capacità di declinare i suoi miagolii e questi vengono utilizzati per comunicare altrettante tipologie di messaggi. Generalmente, il “Miao” viene utilizzato per veicolare le interazioni amichevoli con altri gatti ma può anche significare differenti messaggi specifici: ad esempio, un miagolio acuto è usato dai gattini per dire che hanno fame, un miagolio breve e acuto fatto da un gatto adulto può indicare dispiacere.

I suoni aggressi

Questi sono tutti generati a bocca aperta e si caratterizzano come soffi, ululati, fischi, grida e lamenti. Questi sono tutti suoni usati in relazione a varie forme di aggressione, sia offensive sia difensive, e possono essere rivolte sia ad altri gatti o altri animali.

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram