Pubblicità

Miocardiopatia felina: frequenti nei gatti anziani

di Redazione Quattro Zampe

Miocardiopatia felina

Nel gatto le malattie cardiache sono abbastanza frequenti in età avanzata. Le patologie valvolari sono piuttosto rare. Nella maggior parte dei casi è colpito il tessuto muscolare del cuore.

Tra le miocardiopatie distinguiamo la Dilatativa e la Ipertrofica. La Dilatativa è caratterizzata da sfiancamento/assottigliamento del muscolo, con insufficiente capacità di propulsione del sangue.

La Ipertrofica, al contrario, prevede l’ispessimento delle pareti, con conseguente difficoltà di riempimento.

La prima, frequente fino alla metà degli anni ’80, può essere primaria o dovuta a carenze alimentari.

Negli ultimi trent’anni, con l’avvento delle diete bilanciate, questa patologia è andata scomparendo e ha lasciato il posto d’onore alla Miocardiopatia Ipertrofica, che può presentarsi anche come congenita/ereditaria nei Maine Coon, nei Persiani e in alcune altre sottorazze.

Questa malattia può essere primaria o secondaria a patologie che provochino grave ipertensione cronica (ipertiroidismo, insufficienza renale, alcuni tumori, altre rare disendocrinie); raramente si presenta associata a stenosi aortica.

È caratterizzata da un grado variabile di ispessimento della parete del ventricolo sinistro; il miocardio ispessito non riesce a dilatarsi e si ha scarso riempimento; l’ipertrofia favorisce, inoltre, il progressivo restringimento delle coronarie con conseguenti fenomeni distrofici del tessuto.

Miocardiopatia felina: diagnosi e cura

Il gatto generalmente non manifesta alcun sintomo fino a quando non comincia lo scompenso; allora si potranno avere dispnea, tachicardia, affaticamento e, non raramente, morte improvvisa.Miocardiopatia felina

Il veterinario, all’ascoltazione, potrà percepire un soffio alla punta del cuore, un ritmo frequente e talora “di galoppo”, ed eventualmente rumori respiratori legati a edema polmonare o a versamento pleurico dovuti allo scompenso cardiaco.

Oltre ai versamenti (edema polmonare, fluido pleurico o addominale) il gatto potrà manifestare cianosi e, non raramente, accidenti di tipo tromboembolico legati all’alterato flusso e alle anomalie vascolari secondarie all’ipertensione.

Le conferme diagnostiche e la constatazione del livello di gravità della malattia si avranno mediante Rx, Elettrocardiogramma e, soprattutto, Ecocardiografia.

La cura prevede l’uso di farmaci in grado di controllare la pressione, antiaggreganti, diuretici, vasodilatatori. Ovvio che, nei casi in cui ci sia una altra malattia come causa di fondo, anche per questa dovremo instaurare idonea terapia.

 

 

A cura di Alessandro Arrighi

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram