La salute articolare del gatto

di Redazione Quattro Zampe

Se i nostri amici felini saltano, corrono e cacciano in libertà dipende anche da quanto facciamo per proteggere le loro articolazioni dai tanti problemi che le minacciano, osteoartrite (o artrosi) innanzitutto

Osteoartrite del gatto: un’epidemia nascosta e silenziosa

Nel gatto, come nel cane e nell’uomo, l’osteoartrite (o artrosi) è un problema serio e anche molto diffuso. Un soggetto giovane/adulto su 3 soffre di problemi articolari, specie in conseguenza di traumi (per esempio, fratture), difetti congeniti o malattie ortopediche (per esempio, displasie, lussazioni). E 9 gatti anziani (oltre i 12 anni) su 10 devono fare i conti con una forma di osteoartrite legata all’avanzare dell’età, oggi considerata il motivo più frequente di dolore cronico della terza età felina. Perché solo il 13% dei gatti con problemi articolari arriva a una diagnosi certa e solo il 7% riceve cure adeguate? Per il fatto che il gatto raramente zoppica o ha evidenti disturbi di andatura. Segnala, però, che “qualcosa non va” modificando il suo comportamento e la proverbiale abitudinarietà. Diventa riluttante a saltare sul davanzale o ad arrampicarsi sugli alberi. Dedica più tempo al riposo che al gioco o alla caccia. È meno impegnato a toelettarsi o a “farsi le unghie”. Ha una decisa avversione per gattaiole o lettiere a sponde alte. E, in generale, tende a starsene più tranquillo e isolato

5 regole d’oro per la salute articolare del gatto

1 Capire i segnali nascosti. Vivendo quotidianamente accanto al gatto, il proprietario può accorgersi tempestivamente di quei cambiamenti di comportamento e stile di vita potenzialmente attribuibili a un cattivo stato delle articolazioni.

2 Pianificare regolari controlli veterinari (ogni 6 mesi circa), per far sì che il medico veterinario verifichi le condizioni di tutto l’apparato muscolo-scheletrico.

3 Controllare costantemente il peso, grazie a diete bilanciate e rapportate all’età e allo stato generale di salute del gatto. I gatti in sovrappeso od obesi hanno, infatti, una probabilità 5 volte superiore di andare incontro ad artrosi rispetto a quelli con peso corporeo ideale.

4 Predisporre una casa a misura di gatto. Favorire, ad esempio, con rampe o gradini l’accesso alle zone sopraelevate preferite, rendere più confortevole il riposo e più facile l’accesso alle cassette igieniche, incentivare il comportamento di gioco e caccia.

5 Utilizzare prodotti specifici e altamente certificati che, integrati nella dieta e associati ai classici strumenti di cura, possono davvero aiutare i gatti artrosici. Valgono, in particolare, prodotti basati su una combinazione di qualità, in cui l’azione di supporto metabolico della cartilagine di sostanze innovative come la membrana d’uovo è potenziata dalla capacità di riequilibrio sinoviale degli acidi grassi e dalla protezione antiossidante della vitamina E.

Indirizzario web

www.innovet.it

© Riproduzione riservata.

Contenuto Sponsorizzato.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram