Pubblicità

Affido di animali in caso di separazione – la Legge

di Redazione Quattro Zampe

Affido di animali

La separazione e l’affido di animali domestici in un Paese dove la legge in ambito civilistico è totalmente carente a riguardo, non è facile.

Vediamo, quindi, se oggi, alla luce delle evoluzioni sociali, normative e giurisprudenziali che hanno recentemente caratterizzato la nostra Nazione, sia cambiato qualcosa o se, nonostante il tema inizi ad essere dibattuto un po’ dappertutto, gli sforzi siano risultati vani.

Cagnolino conteso

Facciamo un esempio per capire. La signora Francesca si sta separando in modo consensuale dal marito e, trovato l’accordo su tutte le principali questioni, la discussione si accende per l’affidamento del quattro zampe di casa: il marito ritiene di essere l’unico legittimo proprietario, poiché intestatario del microchip, mentre la signora non riesce a immaginare la reazione dei figli (affidati a lei) se l’uomo si portasse via il cagnolino con il quale hanno sempre vissuto.

Come fare, quindi? La legge, in tal senso, è carente, non è rilevante l’intestazione dell’animale all’uno o all’altro coniuge e negli ultimi anni sono sempre stati i giudici a dover decidere, sulla base della loro sensibilità e della loro “vicinanza” o meno con il mondo animale.

In tal modo, ogni singola decisione può differire dall’altra, determinando incertezza e gran scompiglio.

La proposta di Legge: Affido di animali in caso di separazione

Negli ultimi anni il Parlamento è stato chiamato a far diventare legge a tutti gli effetti una proposta, depositata da lungo tempo, che prevede l’introduzione nel Codice Civile, tra gli altri, dell’articolo 455-ter, dal titolo “Affido degli animali familiari in caso di separazione dei coniugi” con il seguente testo: “In caso di separazione dei coniugi, proprietari di un animale familiare, il Tribunale, in mancanza di un accordo tra le parti, a prescindere dal regime di separazione o di comunione dei beni e a quanto risultante dai documenti anagrafici dell’animale, sentiti i coniugi, i conviventi, la prole e, se del caso, esperti di comportamento animale, attribuisce l’affido esclusivo o condiviso dell’animale alla parte in grado di garantirne il maggior benessere.

Il tribunale è competente a decidere in merito all’affido di cui al presente comma anche in caso di cessazione della convivenza more uxorio”.

Meglio trovare un accordo tra le partiAffido di animali

Si capisce che l’approvazione di un testo del genere sarebbe risolutiva di una buona parte dei problemi che si verificano oggi, fornendo ai giudici le indicazioni necessarie a decidere in maniera coerente.

Come prima cosa, dunque, è assolutamente consigliabile provare a trovare un accordo tra le parti circa il collocamento e il mantenimento dell’animale: non è semplice, ma è l’unica strada per stabilire in via certa e preventiva quali saranno le sorti dell’animale di affezione.

In tal caso, gli accordi raggiunti potranno confluire nella richiesta di separazione consensuale, che verrà omologata dal Tribunale al quale è sottoposta.

Mantenimento del cane

Una recente sentenza del Tribunale di Como (Sentenza Civile del 3 febbraio 2016) ha, infatti, precisato che, pur in assenza (allo stato attuale) di una normativa specifica, l’accordo con il quale i coniugi, in sede di separazione consensuale, regolano tra loro le condizioni di assegnazione e mantenimento dell’animale domestico non contrasta con l’ordine pubblico e va pertanto omologato.

Infatti, sotto il profilo economico, il compromesso sulla gestione del cane domestico individuato dalle parti non è contrario alle previsioni normative relative alla suddivisione delle spese di mantenimento e cura del cane, così come avviene per qualsiasi altra spesa relativa a beni o servizi di interesse familiare.

Dal punto di vista del rapporto affettivo, le disposizioni contenute nell’accordo ricalcano (sebbene impropriamente sul piano terminologico) le clausole generalmente adottate in tema di affidamento, collocazione e protocollo di visita dei gli minori e sono tese ad assicurare a ciascun comproprietario la frequentazione alternata, con conseguente responsabilità.

Garanzia di maggior benessere

Secondo il disegno di legge, in mancanza dell’accordo, il Tribunale “a prescindere dai documenti anagrafici del cane, sentiti i coniugi, i conviventi, la prole ed eventualmente esperti di settore, affida l’animale in via esclusiva o condivisa alla parte in grado di garantirne il maggior benessere”.

Da notare come la disciplina su indicata sia applicabile anche in caso di “cessazione di convivenza more uxorio”, ossia quando a cessare non è un matrimonio, ma una convivenza.

Tale proposta di legge pare essere, quindi, già in linea con la recente riforma della famiglia.

In conclusione, sperando che il Disegno di Legge possa diventare quanto prima legge, è bene sottolineare come nell’ultimo periodo i giudici si stiano comunque omologando alla linea ivi indicata.

E così, in sede di separazione consensuale, la signora Francesca ha ottenuto l’affidamento prevalente del cane (in ragione del maggior benessere dell’animale e dei gli), ma l’ex-marito potrà tenerlo con sé un weekend ogni mese.

 

 

 

A cura di avv. Francesca Zambonin
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram