Pubblicità

Alpini, adunata a Milano col mulo Iroso nel cuore

di Alessandro Macciò

Quella che andrà in scena a Milano nel weekend dal 10 al 12 maggio sarà la prima adunata degli Alpini senza il mulo Iroso. Nato nel 1979, Iroso era l’ultimo mulo dei reparti salmerie, soppressi dall’Esercito italiano nel 1993. In segno di riconoscenza, gli Alpini di Vittorio Veneto (Treviso) l’hanno salvato dalla macellazione e hanno continuato ad accudirlo come un vecchio commilitone.

Pubblicità

Il mulo Iroso è morto il 29 aprile alla veneranda età di 40 anni, equivalenti a 120 anni umani.

O forse, come dicono gli Alpini che sfileranno per la prima volta senza l’ultimo dei muli, è solo “andato avanti”.

Gli antenati del mulo Iroso

Tanto cocciuti quanto docili e ubbidienti, i muli hanno prestato servizio nelle forze armate fin dal 1872, aiutando i soldati nel raggiungere luoghi altrimenti inaccessibili. Muli e soldati infatti formavano i reparti salmerie dell’Esercito adibiti al trasporto di viveri, attrezzi e armamenti. Durante le due guerre mondiali, furono proprio gli antenati del mulo Iroso a inerpicarsi sui sentieri di montagna con casse e sacchi in groppa. Il legame con gli Alpini era fortissimo, come dimostra anche il monumento al mulo Scudela che si può ammirare nei giardini di Villa Borghese a Roma.

L’asta alla caserma di Belluno

Il mulo Iroso faceva parte della Brigata Alpina Cadore, che gli aveva assegnato il numero di matricola 212. Lui non ha mai conosciuto la guerra, ma in compenso ha rischiato di conoscere il mattatoio. Nel 1993, infatti, Iroso e altri 23 muli “congedati” dall’Esercito andarono all’asta alla caserma D’Angelo di Belluno come animali idonei alla macellazione. Un destino inammissibile per gli Alpini, che i muli avevano imparato ad amarli e rispettarli. Non a caso fu proprio un ex alpino trevigiano a salvare Iroso e altri 9 muli, portandoli nel suo allevamento di Cappella Maggiore. È l’inizio della leggenda.

Le adunate e la festa di compleanno

Da un certo punto in avanti, infatti, il “vecio” Iroso resterà l’ultimo esemplare di mulo alpino ancora in vita. Gli Alpini hanno continuato a coccolare Iroso anche quando è diventato cieco e fragile, trovandogli una nuova amica dopo la scomparsa della sua compagna storica. Nel 2017 l’hanno portato all’adunata di Treviso, dove i partecipanti hanno potuto ammirarlo e applaudirlo con tutte le cautele del caso. Lo scorso gennaio invece gli hanno organizzato una grande festa di compleanno con 40 candeline. Inutile dire che l’ultimo dei muli è “andato avanti” circondato dall’affetto dei suoi custodi. Il suo zoccolo sinistro, quello che porta impresso il numero di matricola, finirà sotto teca e sfilerà alle prossime adunate.

Approfondimenti: 

Se vuoi approfondire le ragioni del nostro legame con gli animali, leggi anche Dialogare con gli animali: favola o realtà? 

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram