Pubblicità

Animali in inverno: combattiamo il freddo

di Redazione Quattro Zampe

Animali in inverno

Tutti gli animali in inverno soffrono il freddo, ma non tutti lo soffrono allo stesso modo: un animale giovane e di taglia grande, sopporta meglio l’abbassamento della temperatura; quello più anziano e di taglia più piccola patisce maggiormente le basse temperature.

Cuccioli, giovani sotto i sei mesi, anziani, soggetti malnutriti, soggetti con patologie cardiache e respiratorie, pazienti con patologie ormonali sono i soggetti più a rischio, in quanto presentano maggiori difficoltà a regolare la loro temperatura corporea.

Non solo la taglia, ma anche il pelo dell’animale comporta un fattore di rischio per cani e gatti.

Cani con il pelo corto o raso (Bracchi, Segugi, Beagle, Dobermann, Boxer, Rottweiler ecc) soffrono maggiormente il freddo rispetto a quelli con il pelo lungo (Golden Retriever, Bovaro del Bernese, Terranova ecc.) e quelli con il sottopelo morbido, lanoso e fitto proprio delle razze nordiche (Siberian Husky, Alaskan Malamute) in quanto, in queste razze, il mantello fungerà da isolante.

I cani di taglia piccola e nana (Yorkshire, Bassotti, Chihuahua ecc.) sono ad alto rischio di ipotermia nel periodo freddo, in quanto hanno un’alta capacità di dissipazione del calore.

I soggetti anziani e quelli malati hanno bisogno di maggiori accortezze, in quanto possiedono di- fese immunitarie molto più basse e rischiano di contrarre malattie e infezioni molto più facilmente.

Oltre al freddo bisogna anche tenere conto dell’umidità e del vento, in quanto la dispersione di calore è maggiore se il clima è ventilato o quando il cane è bagnato.

Quando fuori piove è opportuno asciugare bene il cane a livello della cute, evitando così che il sottopelo rimanga umido.

Il freddo, con il pelo semiumido, può predisporre l’animale a pericolose forme respiratorie quali tracheiti o bronchiti.

Anche le zampe e i cuscinetti andranno asciugati molto bene per evitare che i vostri amici si intossichino con il sale e gli altri agenti chimici usati per contrastare il gelo oppure si lacerino o si creino delle microlesioni a livello della cute interdigitale.

Vademecum contro il freddo per gli animali in inverno

Per fare in modo che i nostri amici pelosi trascorrano i mesi più freddi dell’anno senza troppi inconvenienti, possiamo attuare diversi tipi di interventi.

Il primo campo di intervento è quello di stabilire se il nostro amico ha freddo e necessita di essere coperto.

I cappotti e impermeabili per cani hanno una precisa funzione: protettiva e impermeabile.

Per capire se davvero è indispensabile farglieli indossare sarebbe utile tenere in considerazione quattro fattori:

  • il pelo,
  • la taglia,
  • l’età
  • l’ambiente in cui vive.

I cani che vivono nelle mura domestiche possono essere più a rischio rispetto a quelli che vivono all’aperto (purché abbiano un riparo adeguato) in quanto questi ultimi non subiscono sbalzi termici.Animali in inverno

Passare dall’ambiente caldo e asciutto della casa a pochi gradi sopra lo zero, o addirittura sotto, con un alto tasso di umidità, e nel giro di pochi secondi, è pericoloso e poco salutare per i nostri amici pelosi.

Impermeabili e cappotti, proteggono le parti più delicate come il petto, la schiena e l’addome evitando al nostro amico spiacevoli conseguenze per la sua salute.

In secondo luogo, bisogna provvedere alla cuccia, un elemento cruciale nella vita dei nostri amici a quatto zampe.

Questa dovrà essere dotata di pavimento isolato dal terreno o sollevato da terra e dovrà essere impermeabilizzata, per renderla più calda e accogliente per offrire maggiore comfort al vostro amico, potrete rivestirla internamente con paglia o coperte che dovranno essere mantenuti sempre puliti.

Se il vostro amico dorme in casa è consigliabile non farlo riposare sul pavimento freddo, ma offritegli un posto caldo e confortevole, rialzando il luogo dove solitamente si rilassa e poi adagiando sopra una coperta, un tappeto o vecchi maglioni.

Per i cani a pelo lungo e che vivono in zone soggette a neve e ghiaccio, è consigliabile spazzolare il pelo per evitare formazione di nodi all’interno dei quali potrebbero accumularsi neve o ghiaccio.

Se durante le uscite il cane si bagna, dovrà essere asciugato accuratamente per evitare che il corpo accumuli umidità.

 

 

A cura di Valentina Maggio – Nutrizionista cane e gatto e Istruttore cinofilo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Quattro Zampe su Instagram