Pubblicità

Cane scomparso: quando invece è stato “rubato”

di Redazione Quattro Zampe

cane scomparso

Abbiamo visto come molte volte gli allarmi in merito a un cane scomparso siano in realtà dei falsi allarmi, perché l’animale si è smarrito oppure si è allontanato. Esistono però dei casi molto angoscianti in cui il piccolo è stato rapito, rubato, per richiedere un riscatto ai proprietari. Una pratica molto subdola e criminosa.

Un riscatto per il cane scopmarso

È raro, ma succede. “Rapimenti a scopo estorsivo ce ne sono”, conferma Ciro Troiano, responsabile dell’Osservatorio nazionale Zoomafia della LAV. “Non tantissimi, ma è un fenomeno registrato”. Come quello di una ex-moglie avvenente della Milano bene, di quarant’anni, un amante di ventinove e un biglietto per Ibiza nella borsetta, che per ottenere i soldi necessari alla vacanza ha pensato di prendere in ostaggio il cagnolino dell’ex-marito che da mesi non le pagava gli alimenti. “O mi paghi quello che mi devi”, gli ha gridato al telefono dopo il ratto del quadrupede, un pechinese di tre anni, “o di lui non vedrai più nemmeno un pelo”. Dopo pochi giorni, fortunatamente, il cagnetto è saltato di nuovo in braccio al suo padrone e la signora ha incassato l’assegno con gli arretrati degli alimenti. “Non volevo pagare”, ha spiegato l’uomo, “perché sapevo che li avrebbe usati per andare in vacanza con l’amante”.

Ma alla fine l’amore per il quattro zampe ha prevalso sul dolore per le corna. Soddisfatto anche il mediatore, un’associazione animalista, che ha convinto l’uomo a pagare e la donna a restituire il cane scomparso, preso in ostaggio. Fondamentale è stato far capire alla signora che rischiava una pesante denuncia da parte del legittimo proprietario.

La legge è severa

Paura di viaggiare?Il comportamento della signora milanese è penalmente rilevante: “l’aver usato minaccia nei confronti dell’ex-marito per ottenere la corresponsione dell’assegno di mantenimento integra l’ipotesi delittuosa di violenza privata e anche quella di furto”, spiegano gli avvocati di Gaia Lex, il centro di azione giuridica dell’associazione Gaia Animali & Ambiente. Il reato di violenza privata di cui all’art. 610 del Codice Penale è punibile con la reclusione fino a quattro anni. Non solo.

“La signora, oltre che a minacciare l’ex-coniuge di un male ingiusto all’adorato cane scomparso, ha provveduto a sottrarre lo stesso animale integrando così la fattispecie delittuosa del furto di cui agli artt. 624 e 625 del Codice Penale. Il colpevole è punito, a querela della persona offesa, con la pena della reclusione da sei mesi a tre anni o, se si introduce in un edificio o in altro luogo destinato in tutto o in parte a privata dimora, con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro 309 a euro 1.032”, concludono a Gaia Lex. La signora avrebbe potuto e dovuto, invece, tutelare i propri diritti con opportuna azione legale, essendo pacifica la sussistenza del suo diritto a ottenere l’assegno dal marito così come disposto dal giudice.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di giugno del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

 

 

A cura di Edgar Meyer

Immagini da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram