Comunicare con il cane: l’importanza del tono di voce

di Redazione Quattro Zampe

testo e foto di Diana Lanciotti

fondatrice del Fondo Amici di Paco, associazione nazionale per la tutela degli animal

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Come ribadisce l’educatore Demis Benedetti, è importante conoscere le qualità naturali del cane (tempra, temperamento, possessività, docilità, combattività), caratteristiche che sono naturalmente insite in ogni quattro zampe, anche se a livelli diversi a seconda della razza, della genetica, dell’ambiente. È davvero nocivo, invece, cercare di comprimerle o, peggio, sopprimerle.

“Se gli istinti e le qualità naturali del cane”, spiega Demis, “vengono compressi, da qualche parte devono sfogarsi. Il rischio è che si convertano in aggressività o comunque in comportamenti pericolosi. È invece importante canalizzare queste qualità del cane, insegnargli a modularle, a gestirle, senza che sfocino in atteggiamenti patologici”. L’esempio è quello del cane con un alto livello di temperamento e quindi facilmente eccitabile, che andrà fatto giocare (sbagliato impedirgli di giocare!) evitando di sovreccitarlo, ma aiutandolo a dosare le sue forze e le sue energie. “Solo così gli si dà equilibrio e gli si impedisce di mettere in atto comportamenti parossistici e reazioni inaspettate”. Grazie all’esperienza trentennale con i cani e alla sua passione profonda per loro, Demis riesce sempre a comunicare con chiarezza e immediatezza. Moltissimi i rimandi al “rispetto”, come base di un rapporto di fiducia reciproca.

Non la parola, ma il tono di voce

Grande attenzione va prestata ai diversi toni con cui comunicare al cane (che, ricordiamoci, non conosce il nostro linguaggio parlato) le nostre intenzioni, a seconda dell’occasione e del risultato che si vuole ottenere. “Non conta la parola in sé, ma il tono di voce con cui la si pronuncia. Quello che conta è che io usi un tono diverso a seconda del momento: il momento della lode, il momento della tecnica (cioè quando devo dare un ordine “di servizio” al mio cane: seduto, terra, eccetera, n.d.r.), il momento della correzione (quando un comportamento sbagliato del cane va ripreso con la voce per evitare che il cane lo ripeta, n.d.r.)”. Facendo un paradosso, si potrebbe anche usare la stessa parola per le tre diverse situazioni (lode, tecnica, correzione), adottando un tono di voce ogni volta diverso. Ma, dato che il cane stando al nostro fianco ha imparato nel tempo a percepire anche il significato delle singole parole, è preferibile usare un termine diverso per ogni “comando” o tipo di comunicazione.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo parlato di questo argomento, riportando le parole di Diana e Demis, in un bell’articolo comparso sul numero di maggio del nostro giornale. Se vuoi rileggerlo o se l’hai perso e vorresti scorrerlo, puoi scaricare la nostra App e consultare tutti gli arretrati. È facile, basta andare a questo collegamento.

 

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Prova Gratis

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...