Pubblicità

Educazione o addestramento?

di Valentina Maggio

Sono due cose diverse svolte dalle figure professionali dell’educatore e dell’addestratore: il primo è un “genitore”, l’altro un “coach”. Ecco quando farle praticare, come e con quali cani. Entrambe sono eccellenti per trarre il meglio dal rapporto a sei zampe

Molto spesso capita di sentire chiamare l’educatore cinofiloaddestratore” e, altrettanto spesso, di sentir dire che bisogna addestrare il cane, invece di educarlo. Questo, però, troppe volte causa confusione, perché il proprietario neofita del cane non conosce le competenze delle figure cinofile che normalmente operano sul mercato ed è, quindi, importante sottolineare e capire che educazione e addestramento sono due cose completamente diverse. A loro volta, l’educatore e l’addestratore svolgono attività diverse. Come molti pensano, educare e addestrare non significa solo avere dei cani “robottini radiocomandati”, ma vuol dire interagire con quattro zampe che riescono a vivere al meglio la quotidianità con la propria famiglia e con l’ambiente che li circonda, a livello sia affettivo che sociale.

Pubblicità

Cosa significa educare e addestrare?

Educare” deriva dal verbo latino “educere” che significa “tirare fuori” e, in ambito cinofilo, consiste nel fornire al cane gli strumenti adatti per permettergli di relazionarsi al meglio con i partner sociali e di adattarsi all’ambiente in cui si trova a vivere…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe luglio 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €