Pubblicità

Ferito a morte, senza finirlo?

di Studio Legale Zambonin

Se a farlo è un cacciatore contro un animale commette un reato

Se purtroppo uccidere un animale durante il periodo venatorio non è un reato, lo è, invece, ferirlo a morte e lasciarlo agonizzante nel bagagliaio dell’auto. Lo sanno bene due imputati condannati a 4 mesi di carcere per aver sparato a un capriolo senza, però, ucciderlo. Ecco la loro vicenda giudiziaria grazie alla quale i giudici di legittimità con la sentenza 29816/2020 tornano ad affermare principi importanti in tema di diritto degli animali.

Pubblicità

Reato di maltrattamento

I ricorrenti impugnano in Cassazione la sentenza della Corte d’Appello di Torino con la quale i giudici avevano rideterminato la pena per il reato di maltrattamento di animali, disciplinato dall’art. 544 ter c.p. per aver, per crudeltà e senza necessità, cagionato una lesione a un capriolo tramite un colpo di arma da fuoco…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe gennaio 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €