Pubblicità

Ferito a morte, senza finirlo?

di Studio Legale Zambonin

Se a farlo è un cacciatore contro un animale commette un reato

Se purtroppo uccidere un animale durante il periodo venatorio non è un reato, lo è, invece, ferirlo a morte e lasciarlo agonizzante nel bagagliaio dell’auto. Lo sanno bene due imputati condannati a 4 mesi di carcere per aver sparato a un capriolo senza, però, ucciderlo. Ecco la loro vicenda giudiziaria grazie alla quale i giudici di legittimità con la sentenza 29816/2020 tornano ad affermare principi importanti in tema di diritto degli animali.

Pubblicità

Reato di maltrattamento

I ricorrenti impugnano in Cassazione la sentenza della Corte d’Appello di Torino con la quale i giudici avevano rideterminato la pena per il reato di maltrattamento di animali, disciplinato dall’art. 544 ter c.p. per aver, per crudeltà e senza necessità, cagionato una lesione a un capriolo tramite un colpo di arma da fuoco…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe gennaio 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Parassiti intestinali, il rischio è quotidiano. Ecco come proteggerli

Ogni giorno senza saperlo rischiamo che il nostro cane...

Quattro Zampe su Instagram