L’arca della libertà

di Maria Paola Gianni

Dopo lo stop alle macellazioni, la Lav ha dato il via al trasferimento dei primi 85 animali da Gorgona, l’isola-carcere nota come modello di non-violenza. In tutto salverà ben 588 anime. Ma ha bisogno di un sostegno concreto

Nuova vita per centinai di animali grazie alla Lav. Siamo a Gorgona, la più piccola tra le isole toscane. Dal 1998 fa parte del Parco nazionale dell’arcipelago toscano ed è l’ultima isola-carcere italiana nel suo genere, dove i detenuti “a custodia attenuata” lavorano nella cura della terra e degli animali. In pratica, diversamente dalle carceri normali che limitano l’ora d’aria a due ore al giorno, qui si vive all’aperto dalle 7 alle 20 e si ha l’opportunità di lavorare, occupandosi di campi coltivati, edilizia e altre attività. Insomma, qui i detenuti possono davvero redimersi e imparare un mestiere.

Tra le varie attività anche quella di allevare e accudire gli animali, per molti anni esclusi dal macello, ma poi, con il tempo, le cose sono cambiate e sono stati “condannati” a finire nei piatti…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe agosto 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €