Roma, canile Parrelli sequestrato dalla Forestale

di Redazione Quattro Zampe

SEQUESTRO-PARRELLI

Clamorosa svolta al canile Parrelli (Roma): oggi sequestro del Nirda del Corpo Forestale su denuncia della LAV per gravi reati contro gli animali. La LAV: il comune di Roma si faccia garante dei diritti dei circa 350 cani e 150 gatti. Vogliamo giustizia!

Pubblicità

Per i circa 350 cani e i 150 gatti del canile Parrelli di Roma, da anni al centro di denunce e sospetti per irregolarità e decessi di animali, arriva finalmente la svolta decisiva: nelle ultime ore gli agenti del Nirda (Nucleo investigativo per i reati in danno agli animali) del Corpo Forestale dello Stato hanno eseguito il sequestro preventivo della struttura e degli animali, in seguito a una precedente ispezione scaturita da una dettagliata denuncia presentata dalla LAV per gravi ipotesi delittuose, tra cui il reato di maltrattamento di animali (art. 544 ter del Codice penale), detenzione incompatibile (art.727 C.p.) ed esercizio abusivo della professione medica (art. 348 C.p.).

[wzslider autoplay=”true” lightbox=”true”]

“In attesa che la giustizia accerti e persegua ogni eventuale responsabilità, anche omissiva, confidiamo nell’impegno del Comune di Roma quale garante dei diritti di questi cani e gatti – afferma la LAV – Ringraziamo i tanti volontari il cui supporto è stato davvero determinante in questa complessa vicenda, nonché il Nirda del Corpo Forestale, l’avv. Raffaella Sili del Foro di Roma e la Procura di Roma per l’importantissima attività di contrasto dei crimini a danno degli animali che di certo si rileverà decisiva anche in questo caso”.

Una situazione di gravissima costrizione, lesiva del benessere psicofisico degli animali – prosegue la LAV – anche in considerazione del fatto che lo stesso gestore, volontariamente e in palese violazione dei vincoli espressi dalla normativa vigente, ribaditi dalla Commissione di vigilanza regionale richiesta e ottenuta dalla LAV e dallo stesso Comune di Roma, ha continuato ad accogliere indiscriminatamente e frequentemente una gran quantità di animali, consapevole delle inadeguate condizioni in cui tali animali saranno costretti a vivere“.

Pluridenunciato negli ultimi 20 anni, il canile Parrelli – gestito da Giuseppina Lacerenza quale canile di riferimento dell’Associazione L.A.I. – è stato oggetto di centinaia di esposti da parte dei cittadini e di associazioni fra cui la LAV (Lega Anti Vivisezione), con richieste d’indagine, mai svolte.

Nel 1994, durante un blitz nel canile, furono trovate 40 carcasse di cuccioli soppressi e congelati. Una struttura vecchia e obsoleta assolutamente non conforme, che ospita sia cani che gatti per lo più con una breve aspettativa di vita e senza la speranza di trovare una famiglia. Le adozioni, infatti, sono rarissime: l’associazione ha denunciato come gli stessi volontari vengono ostacolati nel prendere in adozione gli animali e diventa difficile perfino farsi affidare temporaneamente gli animali malati da sottoporre a visita veterinaria.

Fonte:  Ufficio Stampa LAV

Foto: Shutterstock

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €