Pubblicità

Muore il cane? È un danno morale

di Studio Legale Zambonin

Il Tribunale di Novara riconosce piena tutela costituzionale al rapporto uomo-cane. È una svolta positiva nel panorama della giurisprudenza

In occasione della giornata internazionale del cane, celebrata il 26 agosto scorso, il Tribunale di Novara con sentenza n. 191/2020 riconosce al proprietario di un cane rimasto ucciso da un altro cane, non solo il risarcimento per danno patrimoniale, ma anche quello per danno morale. La pronuncia piemontese si pone in netto contrasto con la giurisprudenza maggioritaria che nega l’esistenza dei presupposti stessi per ottenere un risarcimento di tipo morale dalla morte di un animale d’affezione, in quanto “la morte di un cane non costituisce lesione di alcun valore della persona costituzionalmente protetto” (per citarne una delle tante, tra le più recenti, sentenza n. 347- 2019 Tribunale Rieti).

Rapporto uomo-animale e diritti inviolabili della persona

Il dibattito giurisprudenziale ruota principalmente intorno a una questione: il rapporto uomo-animale può essere ricompreso nella schiera dei diritti inviolabili della persona riconosciuti dalla Costituzione?…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe novembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €