Pubblicità

Veterinari, scatta l’obbligo della ricetta elettronica

di Alessandro Macciò

Introdotta in via sperimentale nel 2015, la ricetta elettronica diventa obbligatoria per tutti i veterinari. L’annuncio è arrivato dal ministro della Salute, Giulia Grillo, che ha parlato di “un passo fondamentale nella strategia di lotta all’antibiotico resistenza”. La novità riguarda sia i farmaci per gli animali da allevamento che quelli per gli animali da compagnia.

Pubblicità

I veterinari potranno emettere la ricetta elettronica con una app, mentre i cittadini potranno chiedere il farmaco fornendo il proprio codice fiscale e il Pin della ricetta.

Ricetta elettronica già emessa per 3,7 milioni di farmaci

Le prime sperimentazioni sono partite in Lombardia nel 2015, non senza polemiche. Poi nel 2018 la sperimentazione si è allargata a quasi tutte le regioni, soprattutto al Nord. Dal 2018 ad aprile 2019 i veterinari hanno emesso oltre 317.300 ricette elettroniche, per un totale di quasi 3,7 milioni di farmaci. Dei circa 32 mila veterinari che esercitano in Italia, circa 11 mila fino ad oggi ne hanno fatta almeno una. Tra farmacie e grossisti, la novità ha coinvolto 5.618 punti vendita.

Un passo avanti nell’innovazione digitale

Il ministro Grillo ha definito la ricetta elettronica “un tassello importantissimo nel processo di innovazione digitale che riguarda la sanità”. L’Italia è il primo Paese europeo ad adottare questo sistema innovativo nel campo della sanità animale. La novità non consiste solo in una ricetta dematerializzata, ma nella completa gestione digitale dei medicinali veterinari. Per lo staff del ministero, la ricetta elettronica migliorerà il monitoraggio sugli effetti e il livello di sicurezza alimentare, riducendo gli oneri burocratici e la spesa pubblica.

La protesta dei veterinari

Sui social, in realtà, si possono trovare diverse petizioni dei veterinari contro l’introduzione della ricetta elettronica. Ma Gaetano Penocchio, presidente della Federazione dei Veterinari (Fnovi), preferisce guardare al futuro con ottimismo:

[penci_blockquote style=”style-2″ align=”none” author=”Gaetano Penocchio, presidente Fnovi”]In questi mesi abbiamo provveduto a segnalare e risolvere diverse criticità emerse nella sperimentazione. Resistenze da parte dei professionisti ci sono ancora ma speriamo nei prossimi mesi si possano superare. [/penci_blockquote]

Approfondimenti: 

Se vuoi scoprire quanti sono i pet che potranno usufruire della ricetta elettronica, leggi anche L’Eurispes lo conferma: in Italia gli animali sono di famiglia

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram