Pubblicità

Altri tre consigli di pronto soccorso

di Redazione Quattro Zampe

Pronto soccorso altri consigli

Consigli di pronto soccorso come quelli che abbiamo dato già nell’articolo pubblicato a questo indirizzo sono comodi e pratici. Ci permettono di fare qualcosa mentre portiamo il nostro amico a quattro zampe dal veterinario, o mentre attendiamo che il medico intervenga. Se il nostro gatto o il nostro cane si fanno male o ci sembrano feriti, in nessun modo possiamo sostituirci al veterinario, tuttavia possiamo fare qualcosa per aiutare il nostro compagno, magari alleviandogli la sofferenza, oppure stabilizzando la sua condizione.
Ecco allora altri tre semplici consigli di pronto soccorso, con la speranza di non averne mai bisogno…

Pubblicità

In caso di attacco epilettico

Le crisi epilettiche tendono a regredire spontaneamente in meno di 3 minuti. Il nostro compito è quello di assicurarci che il nostro amico resti al sicuro durante questo attacco. Spostiamo oggetti che possano fargli del male, come spigoli di mobili e sedie. Non mettiamo le mani o il viso vicino alla sua bocca e non tiriamogli fuori la lingua. A differenza di esseri umani, gli animali non ingoiano la lingua in caso di attacco epilettico, ma rischieremmo di sicuro un brutto morso. Appena la crisi passa, se ci ha colto alla sprovvista e non l’abbiamo già fatto, avvisiamo il nostro veterinario.

Punture di vespe e api

Le punture di questi insetti, di solito, causano solo un gonfiore contenuto e un po’ di prurito. Se riusciamo a vedere il pungiglione, usiamo una carta di credito per raschiarlo via dalla cute, oppure usiamo delle pinzette, ma cerchiamo di non spezzarlo e di non mandarlo più a fondo. Se abbiamo un antistaminico a uso veterinario, potremmo usarlo per alleviare alcuni sintomi, ma prima sentiamo il medico. Se notiamo gonfiore dei tessuti sul muso o sul collo, oppure un attacco di orticaria su tutto il corpo, andiamo subito dal veterinario, potremmo essere di fronte a una reazione anafilattica e non c’è tempo da perdere.

Pronto soccorso in caso di colpo di calore

Se il nostro amico sta ansimando pesantemente, sbava, dimostra di aver problemi di respirazione, dobbiamo spostarlo in una zona ombreggiata e fresca: è vittima di un colpo di calore. Copriamogli con un panno fresco, magari bagnato, il collo e la testa, ma non il muso. Possiamo anche bagnargli piano il pelo su tutto il corpo con dell’acqua fredda, in modo particolare la pancia. Ma portiamolo dal veterinario il prima possibile.

Pronto soccorso in caso di trauma
fonte: dogster.com

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram