Pubblicità

Come gestire i cani anziani

di Redazione Quattro Zampe

L’avanzare dell’età nel cane comporta una serie di cambiamenti nell’organismo, nelle esigenze nutrizionali e relazionali. In generale gli animali anziani mangiano più lentamente e con maggior appetito. Possono insorgere, infatti, problemi di obesità e in alcuni casi sintomi di malassorbimento, per cui è necessario intervenire sia controllando i comportamenti sia seguendo un’alimentazione equilibrata, pensata appositamente per loro.

I bisogni dei cani anziani

Curare un cane anziano significa fare attenzione a tutti i suoi bisogni, soprattutto a livello alimentare, per cui è consigliabile:

  • somministrare un alimento altamente digeribile che apporti nutrienti di ottima qualità;
  • somministrare la razione giornaliera in 2-3 piccoli pasti;
  • evitare improvvisi cambiamenti nella dieta quotidiana;
  • curare l’igiene orale per contrastare la formazione del tartaro.

A livello di vita quotidiana, con l’avanzare dell’età i cani tendono a diventare pigri, a manifestare alterazioni dell’umore e del ritmo sonno-veglia. Proprio per questo è utile:

  • stimolare la mente e l’olfatto con attività mirate;
  • condividere passeggiate brevi e frequenti nell’arco della giornata;
  • mantenere vive le relazioni con i simili;
  • garantirgli una cuccia soffice e calda per contrastare il manifestarsi dell’artrosi.

L’importante è non considerare un animale anziano come un “malato”, a meno che non si sviluppino patologie organiche che necessitano di cure.

La buona igiene, un’alimentazione completa e bilanciata adatta ai fabbisogni specifici e il controllo costante dello stato di salute contribuiscono ad aumentare l’aspettativa di vita dell’animale. In particolare la composizione e il razionamento dell’alimentazione devono adattarsi alle condizioni dell’animale, il cui fabbisogno energetico totale giornaliero potrebbe con l’età diminuire del 30-40%.

Prolife Senior è un alimento completo studiato in base al fabbisogno nutrizionale del cane anziano che necessita di un apporto calorico controllato. Il pollo fresco è una fonte proteica appetibile ma leggera e digeribile, adatta al fabbisogno del cane anziano che spesso presenta difficoltà digestiva. La particolare composizione delle crocchette ben si adatta alle gengive e ai denti, resi più delicati e sensibili dall’età, favorendo la masticazione e la digestione dell’alimento. Il ridotto contenuto di sodio aiuta a contrastare l’innalzamento della pressione arteriosa mentre glucosamina e solfato di condroitina aiutano a mantenere in salute le articolazioni, rese più fragili dall’età.

Maggior informazioni su http://www.prolife-pet.it/dog/anziani/senior.html

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram