Pubblicità

Ghiandola perianale del cane infiammata: cure e sintomi

di Redazione Quattro Zampe

Non è raro, nel cane, che la zona intorno all’ano sia sede di patologie molto fastidiose. Le più frequenti sono: flogosi e tumori dei sacchi para-anali o delle ghiandole epatoidi perianali e fistole. Andiamo per ordine. I sacchi (o ghiandole) para-anali sono due strutture di grandezza variabile, da un pisello a una nocciola, che si trovano lateralmente e in basso rispetto all’orifizio anale, sul quale sboccano i loro dotti escretori. Questi organi, simili a ghiandole sudoripare, producono un secreto denso e maleodorante espressione di funzioni ataviche e oramai pressoché inutilizzate, quali rilascio di messaggi odorosi e umettamento dell’ano in caso di evacuazione difficile per presenza di ossa o frammenti vari nelle feci.

Nel cane “moderno” queste ghiandole non vengono molto impiegate e perciò tendono a rimanere sempre troppo ripiene. Il secreto, data anche la localizzazione, con facilità può infettarsi e dare luogo a sviluppo di infiammazioni e ascessi. La cura prevede medicazioni locali (cateterismo), terapia per via generale e, nei casi recidivanti, intervento chirurgico che può essere di totale asportazione o di semplice incisione della ghiandola allo scopo di non far accumulare il secreto. Infiammazioni ripetute predispongono alla degenerazione neoplastica, spesso maligna, per la quale l’asportazione in tempi brevi è l’unica soluzione. Su tutta la superficie dello sfintere esterno e nell’area circostante sono presenti anche altre ghiandole, molto più piccole e non identificabili manualmente, dette “epatoidi” per la struttura cellulare simile al fegato. Queste producono le secrezioni che caratterizzano la zona e, a differenza delle para-anali, subiscono l’influenza degli ormoni sessuali, in particolare di quelli maschili. Non è raro, per lo più nei cani maschi, vedere in questa regione delle strutture nodulari, lisce o ulcerate, che derivano proprio da queste ghiandole infiammate, ipertrofiche, degenerate e talora neoplastiche.

Tra le neoplasie è difficile distinguere le benigne dalle maligne con i normali metodi di indagine (citologia). In questi casi, nei maschi, sarà bene controllare prostata e testicoli perché non è raro che anche essi siano coinvolti in problemi patologici. La cura si baserà su medicamenti locali e pervia generale, sulla chirurgia e sul controllo degli ormoni (sterilizzazione medica o chirurgica).

Chiudiamo con le fistole perianali: questa patologia, fastidiosa e frustrante, caratterizzata dall’apertura di tragitti patologici nei tessuti della zona, con dolore, infiammazione e infezione, è stata per anni oggetto di interventi chirurgici raramente risolutivi e sempre caratterizzati da decorsi complicati. Va molto meglio da quando si è capito che si tratta di una malattia autoimmune che nella maggior parte dei casi può essere ben controllata con cicli di terapia immunomodulatrice da ripetere nel tempo.

di Alessandro Arrighi

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram