Pubblicità

I fiori di Bach per l’armonia del cane

di Redazione Quattro Zampe

Molte persone sono ancora scettiche riguardo all’utilizzo della medicina alternativa per il benessere dei cani, ma nel caso dei fiori di Bach i benefici sono ampiamente dimostrati e, soprattutto, non ci sono controindicazioni o effetti collaterali. Si possono somministrare in aggiunta a qualsiasi altra terapia, sia farmaceutica sia a base di rimedi naturali, e possono dare un grande aiuto.

Ripristinare l’armonia

I fiori di Bach non curano direttamente problemi di tipo fisico, bensì aiutano a ripristinare l’armonia mentale. In questo modo, le difese naturali dell’organismo possono svolgere più efficacemente il proprio lavoro, dando una spinta per rimettere tutto al proprio posto. È possibile che nei primi tempi dopo l’assunzione dei fiori di Bach si intensifichino i sintomi, ma si tratta solo di un peggioramento momentaneo, che si verifica perché il rimedio può far affiorare un problema accantonato nel fondo della coscienza. Dopo breve, però, si può apprezzare un netto miglioramento, fino al ristabilimento del giusto equilibrio.

 

Fiori di Bach 2Esempi pratici di utilizzo

Sono molti i casi in cui i fiori di Bach possono aiutare: un cane che ha subìto torture, ha dovuto sopportare un addestramento particolarmente duro, è stato sottoposto a violenze a livello psicologico e fisico, ha avuto un incidente durante un trasporto, è stato costretto a lungo chiuso in un bagagliaio oppure è stato separato troppo presto dalla madre. Sono tutti episodi che portano il cane a uno stato di shock. In questi casi, somministrando “rescue remedy” (per le emergenze), oppure “star of betlhehem” (il rimedio per lo shock), il cane si trova a rivivere momentaneamente quegli istanti spaventosi, per poi rimuoverli definitivamente. Prepariamoci quindi, come già detto, a un possibile peggioramento nell’immediato, a cui farà però seguito il ristabilirsi dell’equilibrio mentale.

 

Come si somministrano

I fiori di Bach si trovano in forma di gocce da diluire nella ciotola dell’acqua. Se in casa sono presenti più animali che possono bere dalla stessa ciotola, non preoccupiamoci: il rimedio funzionano solo sull’animale che ne ha bisogno, sugli altri non ha alcun effetto, quindi la loro assunzione da parte di altri cani o gatti non presenta controindicazioni.

 

Ci vuole la giusta pazienza

Se il cane è affetto da problemi di lunga data, non possiamo pretendere di risolvere tutto in pochi giorni. Possono volerci anche settimane per vedere i primi miglioramenti, così come – a seconda della sensibilità dell’animale – si possono apprezzare già dei risultati dopo poche assunzioni. Teniamo presente che quando c’è calma, spontaneità, “semplicità”, possiamo superare con forza e sicurezza qualsiasi difficoltà ci riservi la vita e questo vale anche per i nostri “fedeli amici”.

 

Vuoi saperne di più?

Abbiamo parlato dei fiori di Bach in un ampio articolo presentato nel numero di giugno del nostro giornale. Se te lo sei perso, se vuoi rileggerlo, puoi scaricare gratuitamente la nostra App e consultare gli arretrati. Basta andare a questo collegamento.

a cura di Sandra Cicala

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram