Valorizzare la relazione con i nostri animali

di Roberto Marchesini

Limitare la loro presenza all’indubbia capacità di offrirci solo compagnia sarebbe come voler dire di avere un deficit affettivo. Il rapporto va oltre la prestazione

Il valore della presenza di un cane o di un gatto e – perché no? – di entrambi nella vita delle persone è ormai cosa risaputa, spesso ripetuta in modo così ossessivo da essere diventata ormai scontata e, oserei dire, persino di moda. Eppure noto ancora una certa banalizzazione di questa relazione quando, al contrario, dovrebbe essere presa con maggiore attenzione e serietà.

Si parla, per esempio, di animali da compagnia o d’affezione, come se fossero oggetti che servono a una particolare funzione, più che soggetti che condividono la loro esistenza con noi e ci accompagnano per un certo tragitto – ahimé troppo breve – della nostra vita…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe di novembre 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Animali e condominio diritti e doveri

Vietare a un condòmino di tenere con sé un cane o un g...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram