Pubblicità

La casa delle zampe stanche

di Redazione Quattro Zampe

L’ultimo tratto del percorso per raggiungere la Casa nel bosco s’inoltra in un grande bosco di abeti rossi. Il terreno intorno ai tronchi degli alberi è un soffice cuscino di muschio, dal quale spuntano felci meravigliose e molte specie di funghi in autunno.
L’aria si fa man mano più fresca e umida e acquista un profumo speziato, a tratti pare di veder spuntare elfi e fauni fra un abete e l’altro.

MARY IN GIRO PER IL BOSCO CON I CANI

1Non conviene arrivare da Maria “Mary“ Enthammer senza averla prima avvisata, si rischia di restare davanti al cancello chiuso, visto che gran parte della giornata è in giro nel bosco, con i cani ospiti della sua pensione e con i cani anziani che vivono sempre con lei. Ogni giorno, anche quando piove e nevica, Mary e la sua collaboratrice Antje partono la mattina presto scegliendo i sentieri da percorrere a seconda delle condizioni fisiche dei cani che le accompagnano.

I nomi dei percorsi ricordano cani ormai scomparsi, oppure ne descrivono le caratteristiche: il “Giro dei lamponi”, ad esempio, è un sentiero ai cui lati in estate maturano deliziosi lamponi e more. Oppure il “Giro di Lupetta”, il “Giro del cimitero”, il “Giro dell’omone grasso”, o il “Giro di Otto”, che raggiunge anche campi interminabili fuori dal bosco. Da lì la vista spazia fino alle vette innevate delle Alpi del Chiemgau.

IL RIFUGIO PER ANIMALI SOGNATO DA PICCOLA

“Fin da piccola sognavo di avere un rifugio per animali tutto mio”, racconta, “ma prima ho lavorato per tanti anni alle poste. Un giorno, poi, un’amica mi regalò un calendario dell’Associazione austriaca dei cani da assistenza. Da quel momento ho deciso di abbandonare il mio lavoro da impiegata e di cambiare vita”.

CAMBIO DI VITA

Maria-HenthammerSono seguiti anni dedicati all’apprendimento: così Mary è diventata prima istruttrice dei cani da assistenza, poi ha imparato anche il metodo di Clarissa von Reinhardt, una delle maggiori esperte cinofile tedesche, incentrato sull’addestramento con metodi gentili. Col passare del tempo si facevano sempre più frequenti le richieste di clienti che cercavano anche una buona pensione per i loro cani. Così il suo sogno d’infanzia cominciò a farsi sempre più concreto.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di dicembre del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

Per informazioni

Sito web delle Müde Pfoten: www.muede-pfoten.de

Sito web della pensione per cani di Mary: www.hunde-im-waldhaus.de (premiata con il DOGS Award 2012 come migliore pensione per cani della Germania)

 

 

testo e foto di Rachele Z. Cecchini

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Quattro Zampe su Instagram