E qui ci metto la mia firma!

di Ewa Princi

I feromoni permettono una comunicazione chimica e danno informazioni precise. Esprimono senso di pericolo, eccitazione, possesso, territorialità, maternità e tante altre emozioni. Ecco come funzionano

Tutti gli esseri viventi, per sopravvivere, devono comunicare, incluso il gatto. I carnivori sono identificati come le specie di mammiferi che hanno particolari ghiandole secernenti i feromoni che rappresentano, comunque, una modalità di comunicazione utilizzata da moltissimi animali: insetti, pesci, rettili e mammiferi. Il termine “feromone” deriva dal verbo greco “φέρω” che significa “portare”, e “όρμάω” che vuol dire “stimolare, eccitare”. I feromoni sono semiochimici, ovvero, sostanze volatili utilizzate per comunicare che vengono rilasciate nell’ambiente esterno. Sono, quindi, segnali chimici tra membri della stessa specie, vengono secreti dal corpo e provocano una risposta fisiologica e comportamentale, principalmente sociale.

Dalla segnalazione di allarme a quella sessuale

Esistono feromoni correlati alla segnalazione di allarme, oppure alla segnalazione sessuale, di legame e altro ancora. Nei gatti i feromoni sono usati per comunicare sul territorio. Sono rilasciati come segnali tra individui che passano vicino o attraverso territori diversi…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe agosto 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €