Ma il no lo possiamo usare o no?

di Marco Annovi

Dobbiamo essere un punto fermo

Ecco come farlo capire al meglio al cane e come farci ascoltare

Avete mai provato a pensare a quante volte nell’arco di una giornata dite “no“ al cane ? Spesso siete più concentrati a fargli notare le cose che non può fare piuttosto che confermare quello che effettivamente vorreste che facesse. Attraverso il “no“ viene tutto sviluppato con la presunzione di limitare le cose che il cane può fare. No sul divano, no sulla tavola, no questo, no quello, no e poi ancora no fino al punto che probabilmente al cane sorgerà il dubbio di chiamarsi No.

Se manca la comunicazione il no non funziona

Questo continuo utilizzo smisurato della parola no non fa altro che impostare un rapporto di relazione con una serie infinita di negazioni. In diverse occasioni ho ribadito che il rapporto, per essere funzionale ed equilibrato, deve aggiungere e non togliere alla relazione. Per cui dobbiamo strutturare un legame nel quale la nostra figura deve essere un valore aggiunto[…]

Articolo pubblicato su Quattro Zampe di novembre 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Animali e condominio diritti e doveri

Vietare a un condòmino di tenere con sé un cane o un g...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram