Pubblicità

Vibrisse, il sesto senso

di Ewa Princi

Sono uno straordinario strumento sensoriale e anche un modo per leggere il comportamento del gatto

I gatti non sono gli unici mammiferi con le vibrisse. La maggior parte delle specie di mammiferi, compresi i primati, è dotata di questi recettori extrasensoriali che si sono sviluppati nel corso dell’evoluzione per rilevare dettagliatamente i loro ambienti durante la caccia notturna (quando i loro predatori erano meno attivi). Le vibrisse del gatto non solo sono incredibilmente attraenti, ma hanno anche funzioni importanti: essendo uno strumento sensoriale fondamentale, non hanno nulla a che fare con gli altri peli.

Si tratta più precisamente di peli tattili altamente sensibili che crescono sul muso di un gatto, sopra i suoi occhi e in altre parti del corpo, come le orecchie, la mascella e le zampe anteriori. Alla radice di ciascuno di questi peli lunghi e rigidi c’è un follicolo carico di nervi…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe gennaio 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Quattro Zampe su Instagram