Pubblicità

Come parla Micio?

di Ewa Princi

L’uomo comunica soprattutto in modo verbale per questo ignora la gestualità del corpo dei nostri amici pelosi: ecco cosa ci stanno dicendo…

I gatti sono stati considerati per secoli creature misteriose, solitarie e imprevedibili per molti motivi, tra cui il fatto che gli esseri umani hanno difficoltà a capire cosa ci stanno comunicando. L’uomo ha imparato a utilizzare un mezzo più immediato nella comunicazione: la voce, mentre gli animali hanno mantenuto una combinazione complessa di linguaggio del corpo, vocalizzazione e segnali olfattivi. Un gatto rilassato e felice ha le orecchie rivolte leggermente in avanti, gli occhi rilassati e anche i baffi puntati in avanti. Più si presta attenzione al gatto, più facile sarà leggere il suo linguaggio del corpo e imparare quello che sta cercando di dirci. I mici usano i vocalizzi per esprimere le emozioni.

Miagolii, fusa, sibili, ringhi e altri suoni inclusi nel repertorio felino, ciascuno con significati diversi a seconda del contesto. I gatti domestici hanno imparato a miagolare con gli umani. L’apparato vocale di un felino è diverso dal nostro e non è progettato per parlare. Tuttavia i gatti “parlano” tra loro e con noi attraverso il linguaggio del corpo, comunicando sentimenti e intenzioni attraverso la postura

Articolo pubblicato su Quattro Zampe aprile 2021

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Animali e condominio diritti e doveri

Vietare a un condòmino di tenere con sé un cane o un g...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram