Pubblicità

Tom si è smarrito: una ricerca disperata

di Redazione Quattro Zampe

Tom smarrito

Tom è un gattone che si è smarrito durante le vacanze di Natale. Da questo evento scaturisce una ricerca affannosa. Ce la racconta Annamaria, la sua proprietaria.

Tom è arrivato otto anni fa a casa nostra, a San Martino in Rio (Reggio Emilia), dove già vivevamo con tre cani. Ma con la sua calma si è ambientato subito, anzi, è diventato un ottimo amico di Nala, la cagnolina più piccola con cui si divertiva (e continua ancora dopo anni) a giocare pazzamente. La settimana dello scorso Natale decidiamo di andare in vacanza. Partiamo il 22 dicembre e lasciamo a casa i nostri tre cani e il nostro gatto Tom sotto la sorveglianza di mia madre. Mentre ci godiamo tranquillamente la vacanza, il 27 arriva una telefonata di mia madre preoccupata perché Tom è sparito da due giorni e non è ancora tornato. Da allora la vacanza diventa un incubo. Sono impossibilitata a tornare prima del ritorno previsto per il 29 in aereo, quindi mi attivo chiamando un’amica che incomincia le ricerche e stampa i primi volantini.

1Tom è scomparso!

“Tom non si trova… va beh, ma quando tornerò a casa e sentirà la mia voce, uscirà dal suo nascondiglio!”, pensavo. Invece la sera del ritorno e i giorni successivi, nonostante i richiami, il suo nome urlato ovunque nel vicinato, di Tom nessuna traccia.

Arriva l’Associazione

Passano i giorni… Mi rivolgo all’associazione “Animali Persi e Ritrovati” che mi fornisce preziosi consigli per ottimizzare le ricerche. Telefono ai veterinari della zona, ai gattili… niente… continuo con un volantinaggio intenso, a chiamare il suo nome in zone diverse del paese, a spargere la voce tra amici e conoscenti. Tom non si trova. Fuori c’è molto freddo e i forti botti di capodanno. Qualcuno mi chiama dicendo che l’ha visto, ma vado a controllare e non è lui. C’è chi sostiene che sarà andato a morire in qualche posto, oppure che “l’avranno rubato”, oppure ancora che “l’avranno mangiato”…

Termina l’incubo

Quando ormai le speranze si affievoliscono, il 12 gennaio scorso verso le 17 mi vengono a chiamare a casa perché hanno visto un gatto simile al mio, in prossimità di un canale a poche centinaia di metri da casa. “Impossibile”, penso, ma corro col trasportino a vedere. È propri lui! Lo chiamo e, dopo un primo tentennamento, mi corre incontro incredulo. Lo prendo in braccio, è magrissimo, ma sta bene. Finalmente l’incubo è finito.

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram