Pubblicità

Il cane virtuale ci aiuta a evitare i morsi

di Claudia Ferronato

cane virtuale

Un cane virtuale è al centro di uno straordinario progetto innovativo.
L’idea è del Virtual Engineering Center (VEC) dell’Università di Liverpool.
Lo studio che ha portato a questo progetto nasce dalla collaborazione dei ricercatori di comportamento animale dell’università inglese con altre due strutture universitarie.
Si tratta dell’Istituto per lo studio delle Malattie Infettive e Salute Globale e l’Istituto di Psicologia, Salute e Società.
E condotto in sinergia con Dogs Trust, l’organizzazione no profit che si occupa principalmente di adozioni di cani.
Si tratta di un’esperienza di realtà virtuale, in cui il protagonista è un cane.
Gli utenti si avvicinano e interagiscono, in modo sicuro e controllato, con un cane che mostra segni di aggressività.

Pubblicità

La realtà virtuale come strumento educativo

Lo scopo è di ottenere un valido strumento educativo, utile a prevenire i morsi da parte dei cani, qualsiasi sia la causa.
Si punta, soprattutto, a evitare l’errato approccio da parte delle persone e a riconoscere le situazioni a rischio.
Grazie a questo progetto, adulti e bambini possono imparare a riconoscere il comportamento dei cani.
Si studiano le sue reazioni in base agli stimoli esterni e all’atteggiamento delle persone con cui si relazionano.
E, di conseguenza, si identificano per tempo quelle circostanze che, se mal interpretate e non evitate, possono anche portare a un morso.
I cani, infatti, prima di agire, forniscono molti segnali che manifestano una situazione di disagio.
L’importante è sapere come riconoscerli.

La scala dell’aggressività canina

Il progetto dell’Univesità di Liverpool punta proprio a questo.
Introduce nella realtà virtuale i vari segnali e movimenti del corpo del cane.
E lo fa nella maniera più realistica possibile, riflettendo più tipi di comportamento.
In pratica: via via che l’utente si avvicina al cane, il comportamento e il linguaggio dell’animale cambiano in maniera graduale.
Il cane quindi inizia a mostrare segni di aggressività, come leccarsi le labbra, abbassare la testa e il corpo, sollevare la zampa anteriore, ringhiare e mostrare i denti.
Una serie di reazioni che fanno riferimento alla “scala dell’aggressività canina”.
Questa scala mostra i vari step di come un cane può comportarsi quando non vuole essere avvicinato.
Il progetto è tuttora in fase di perfezionamento, sia per quanto riguarda i dettagli dell’ambiente virtuale che per ricreare una simulazione sempre più realistica.
In futuro si punta inoltre a inserire più tipologie differenti di azioni del cane e di reazioni di risposta alle azioni degli utenti.
L’esperienza virtuale sarà uno strumento educativo utilissimo per accostarsi nel modo migliore al cane, rispettando la sua indole naturale.

Info:

VEC Università di Liverpool

Dogs Trust

di Claudia Ferronato

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram