Colonia felina sotto tutela

di Redazione Quattro Zampe

Colonia felina

Lo Sportello legale Oipa è sempre pronto a fornire consigli e indicazioni su questioni legali che interessano gli animali, come nel caso di una colonia felina, censita dal Comune di Milano, che ha avuto problemi con il vicinato…

Problemi con il vicinato

Colonia felinaLa colonia di cui parliamo si trova in un edificio condominale e uno degli inquilini afferma che un gatto avrebbe tentato di entrare in casa distruggendo la zanzariera.

Il tutor della colonia si è alquanto preoccupato di tale affermazione e ci ha chiesto se il condominio possa vantare una richiesta di risarcimento dei danni nei suoi confronti. Niente panico, in questo caso la risposta è negativa.

Colonia felina, competenza locale

Ricordiamo, infatti, che la colonia felina, per legge, è di competenza della Pubblica Amministrazione.

La legge quadro nazionale n. 281\91 e singole leggi regionali applicative, nonché molti regolamenti comunali, prevedono il diritto allo stanziamento dei gatti liberi e il relativo spostamento soltanto in caso di necessità come, per esempio, la sicurezza degli stessi mici o per motivazioni sanitarie.

Ritenuto, quindi, il diritto di stanziamento della colonia felina, in assenza di comprovati motivi che possano giustificare uno spostamento “programmato”, è bene sottolineare che il condomino “danneggiato” deve provare non soltanto la sussistenza di un danno, nel nostro caso la zanzariera rotta, ma anche che quest’ultimo è stato cagionato da un felino appartenente alla colonia.

Il tutor della colonia non deve risarcire

Anche riuscendo a dimostrare quanto sopra, a nostro parere non sarebbe possibile effettuare una pretesa risarcitoria nei confronti del tutor della colonia. Quest’ultimo, infatti, tutela la colonia come volontario, su autorizzazione del Comune territorialmente competente ed è responsabile, esclusivamente, per la gestione della colonia, come per esempio per la somministrazione di pappa e acqua, nonché per la relativa sicurezza.

Colonia felinaIl tutor della colonia deve ovviamente evitare che gli stessi mici non arrechino danno o disturbo come, per esempio, evitando di apporre le ciotole troppo vicino alle abitazioni, ovvero segnalando eventuali problemi al Comune.

Manca la prova del danno

In questo modo sarà possibile valutare, insieme a un responsabile del comune e della Asl veterinaria, come risolvere il problema e tutelare tutti gli interessi.

Nel caso specifico, oltre che mancare la prova del danno arrecato da un gatto “randagio”, non può essere contestato alcun comportamento colposo da parte del gestore della colonia.

Altro caso a roma: ciotole per randagi

Caso ben diverso, invece, si era verificato tempo fa a Roma, presso un condominio dove alcuni abitanti avevano posto delle ciotole nei pressi di garage di proprietà altrui, attirando così gatti randagi i quali si introducevano all’interno delle case: i condomini “infastiditi” e costretti a tenere le finestre chiuse hanno provveduto ad effettuare un’azione davanti al tribunale civile diretta a far cessare la molestia nel godimento del proprio bene.

Nel caso specifico il giudice, una volta accertata la sussistenza del comportamento tenuto da alcuni condomini, seppur guidati da un nobile intento, ha ravvisato una responsabilità per aver arrecato molestia all’utilizzo della proprietà altrui.

Buonsenso innanzitutto

Colonia felinaNoi aggiungiamo che, senza escludere l’importanza e il diritto di somministrare cibo ai randagi, come peraltro confermato anche da diverse sentenze del Tribunale Amministrativo Regionale, nell’ultimo caso riportato, probabilmente, si sarebbe potuto gestire la colonia in maniera differente, tutelando i gatti liberi, ma rispettando l’altrui proprietà, proprio per evitare di andare davanti al giudice.

Intolleranza felina nella provincia di brescia

Altra situazione particolare si è verificata in un edificio della provincia bresciana, dove un condomino ha chiesto all’amministratore di sanzionare il vicino “colpevole”, pare, di lasciar vagare il proprio gatto nelle parti comuni.

La questione è stata discussa in assemblea con vittoria del proprietario del felino per una serie di motivazioni: assenza totale di prove in ordine alla presenza, nelle parti comuni, di un gatto di proprietà anziché di un randagio, visto che nella zona vi erano diversi mici randagi; assenza di uno specifico divieto, nel regolamento condominiale, di tenere animali nella parti comuni, se non un generico riferimento alla disposizione di transitare con il cane tenuto al guinzaglio. Nessuna sanzione è stata pertanto applicata al condomino e al proprio felino.

 

A cura di Claudia Taccani

Avvocato e responsabile Sportello legale Oipa

sportellolegale@oipa.org

www.oipa.org

foto da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram