Pubblicità

Chi è Tom? Da randagio ad amico inseparabile

di Claudia Ferronato

tom

Tom si presenta a due passi dalla porta, poco dopo che la famiglia si è trasferita.
Ci troviamo nel Regno Unito, dove Leilah e i suoi familiari sono stati accolti, subito dopo il trasloco, da un bel micione randagio.
Gli hanno offerto del cibo e lui è semplicemente tornato.

Pubblicità

tomQuesto succedeva tre anni fa e questo adorabile gatto bianco e nero appariva tutti i giorni davanti alla porta sul retro della casa.
Sporco e denutrito, era normale per la famiglia dargli del cibo anche perché continuava a guardare loro mentre mangiavano.

 

Miao, sono qui!

Ogni volta che arrivava si faceva sentire miagolando e, poco tempo dopo, ha iniziato a farsi avvicinare e accarezzare.
Leilah si era già informata presso tutti i vicini, cercava di capire se qualcuno lo conoscesse o sapesse chi era il proprietario del gatto.
Ma, neppure su Facebook, cercando tra i gruppi locali che si occupavano di smarrimenti nessuno aveva notizie.

tom

La sterilizzazione

Con l’aiuto di Elaine, una volontaria, sono riusciti a prenderlo e portarlo dal veterinario, per farlo visitare da un veterinario.
Appena tornato dalla prima visita Tom era fuggito, aveva ancora paura di rimanere in quella casa sconosciuta.
Dopo la sterilizzazione però Tom è rimasto presso la famiglia di Leilah, anche se ancora spaventato da quell’ambiente.
Durante i primi giorni trascorreva molto tempo sul tavolo della sala da pranzo che gli appariva un luogo sicuro.
Poi, grazie anche alla pazienza di Leilah, il micio aveva iniziato a esplorare ogni angolo della casa, compreso il piano superiore.
E, ad andare d’accordo anche con il gatto di casa, Eric.

tomTom o Neil?

Un giorno un vicino si fece avanti spiegando che anche lui e la moglie avevano cercato di adottarlo ma non andava affatto d’accordo con il loro.
Loro lo chiamavano Neil.
Ma Neil, cioè Tom, aveva un destino preciso.
Doveva arrivare a Leilah ed esserle d’aiuto.


Sì perché la donna ha due figli disabili, che hanno bisogno di molta più attenzione degli altri bambini.
E quando le giornate sono particolarmente difficili, Tom si preoccupa di Leilah e la colma di tutte quelle piccole attenzioni che solo i gatti sanno dare.

tom
Le sta intorno, le fa le fusa, si accoccola di fianco a lei spingendola dolcemente con la testa.
Sono diventati indivisibili!
E Leilah, da quando c’è Tom con lei, supera con il sorriso anche le giornate più faticose.

 

di Claudia Ferronato

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram