Pubblicità

Coniglio nano: un amico speciale

di Redazione Quattro Zampe

Coniglio nano

Il coniglio nano è un ottimo animale da compagnia: docile, socievole, si affeziona molto ai proprietari e può convivere tranquillamente con i cani, ma soprattutto con i gatti, specie se i due animali sono allevati insieme fin da cuccioli.

Pubblicità

In genere urina e defeca sempre nello stesso posto o in due o tre posti precisi, si può, quindi, abituarlo a “fare i propri bisogni” in una cassetta igienica come per il gatto. Le razze più diffuse in commercio sono: pelo raso, pelo lungo, testa di leone e ariete.

Quando diventa adulto…

La maturità sessuale viene raggiunta a 4-5 mesi nella femmina e a 6-8 nel maschio, ma ci possono essere soggetti più precoci. I conigli possono a questo punto marcare il proprio territorio con spruzzi di urina e diventare anche più aggressivi (soprattutto i maschi) anche verso i proprietari.

Per evitare tutto ciò si può castrare l’animale, utile, nella femmina, anche per prevenire eventuali infezioni e tumori dell’utero. La gravidanza dura circa 30 giorni.

Il peso da adulti varia tra i 2 e i 5 chili.

Il coniglio non è un roditore, bensì un lagomorfo (2 paia di incisivi superiori anziché 1) e i suoi denti sono a crescita continua. Si consiglia di controllare sempre la crescita e la giusta usura dei denti tramite il Coniglio nanoveterinario di fiducia, perché problemi di diarrea, inappetenza e debolezza generale possono in realtà essere la spia di una malocclusione o di eccessiva crescita dentaria.

È erbivoro, occhio ai mix e ai bocconcini

Il coniglio è strettamente erbivoro. Consigli: evitare assolutamente i mix per conigli venduti nei supermercati, specie se contengono semi di girasole, mais e fioccati: fermentano nell’intestino e causano diarrea!

Ed evitare pane, biscotti e crackers, se non come bocconcini occasionali.

Dieta ideale per il coniglio nano

La dieta ideale per un coniglietto nano deve basarsi su:

  • fieno di buona qualità (erba medica o prato poli ta)
  • mangime pellettato con almeno il 15-25% di fibra (ottima la marca “Bunny”)
  • verdure fresche di qualsiasi tipo, (spinaci e cavoli con moderazione, la lattuga può dare diarrea) ben
  • lavate ma mai bagnate o fredde
  • una piccola parte di frutta (2 o 3 volte alla settimana)
  • ogni tanto, un po’ di yogurt alla frutta
  • acqua fresca sempre a disposizione tramite un beverino a goccia

Al fine di recuperare completamente le sostanze contenute negli alimenti, il coniglio pratica la cecotrofia: ciò vuol dire che il cibo transita una prima volta nel suo apparato digerente e viene espulso in forma di feci morbide e spesso coperte di muco, che sono in realtà ricche di vitamine del gruppo B, ora batterica intestinale ed altri principi nutritivi. Queste prime feci, chiamate appunto cecotrofo, vengono di nuovo ingerite dal nostro amico per recuperare le sostanze suddette, e vengono poi espulse come scibale secche (“palline”).

Vita in casa

La gabbietta per il piccolo amico deve essere sufficientemente spaziosa da potergli permettere di alzarsi in piedi sulle zampine posteriori e deve contenere una piccola casetta, anche di cartone, che faccia da rifugio per i momenti in cui non “vuole essere disturbato”.

Coniglio nanoCome lettiera vanno bene paglia, trucioli o granulato, evitare la sabbietta per il gatto (abrasiva per le zampine delicate) e le segature di conifere (soprattutto cedro) che possono dare intossicazioni a causa della resina in esse contenuta. Ottimi anche i giornali.

Anche libero di girare…

Meglio comunque lasciare il coniglietto libero di girare per casa almeno per qualche ora, avendo cura, però, di sorvegliarlo, perché potrebbe rosicchiare mobili, tappeti o, peggio ancora, cavi elettrici, con il rischio di restare folgorato!

La temperatura ideale è di circa 20-22°C con un’umidità relativa del 60%. In ogni caso sopporta meglio il freddo del caldo (può soffrire di colpi di calore), purché si evitino le correnti d’aria e i bruschi cambi di temperatura.

Nella gabbietta si possono lasciare legnetti di vite da rosicchiare, utili anche per mantenere la giusta usura dei denti, ed eventualmente tubi di cartone (es. quello della carta igienica) col quale il piccolo animale potrà giocare.

Hai adottato un coniglio nano?

Vivi con lui? Ha arricchito la tua vita? Raccontaci la tua esperienza, facci sapere cosa ne pensi con un commento, oppure parlacene sulla nostra pagina di Facebook.

 

 

A cura di Gianpiero Nieddu – Esperto di animali da compagnia non convenzionali per l’Ordine dei Veterinari della Provincia di Milano

© Riproduzione riservata.

Abbonati online

fino al 50% di sconto

100 Idee per Ristrutturrare Digital Edition 100 Idee per Ristrutturrare Apple App Sore 100 Idee per Ristrutturrare Google Play Store

Digital Edition

Disponibile su browser, tablet e mobile app iOS e Android.

Offerta Prova

3 numeri a soli 2,99 €

save papersave paper

Edizione Cartacea
+ Digital Edition

Scegli la comodità del cartaceo con in più la versione digitale.

Abbonati Ora

1 anno a soli 36,00 €

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram