Adottare un furetto: ecco come sceglierlo

di Redazione Quattro Zampe

furetto

Quando decidiamo di accogliere un furetto nella nostra famiglia, le cose a cui prestare massima attenzione sono principalmente queste. L’aspetto estetico non è importante.

Comprarlo o adottarlo? Nel primo caso, sicuramente, si avrà a che fare con un soggetto più giovane, di certo più irruente. Dopo l’anno di vita, infatti, il furetto è meno incline a cacciarsi in situazioni pericolose e il suo carattere è per lo più formato. Man mano che avanzano gli anni tende a diventare più tranquillo e si affeziona comunque al nuovo proprietario senza molti problemi. È ovvio che più si va in là con l’età, minori sono le prospettive di vita e maggiori le possibilità che compaiano i problemi di salute legati alla vecchiaia.

Adozione o acquisto

Esistono dunque delle associazioni che si occupa no di adozioni di furetti abbandonati o da ricollocare. Nel caso in cui si conosca il vecchio proprietario, è bene farsi lasciare un libretto sanitario o raccogliere tutte le informazioni del caso: vaccinazioni, sterilizzazione, problemi medici, terapie.

Se si opta per l’acquisto occorre stare attenti a diversi aspetti. Nei negozi è possibile trovare animali che provengono dagli allevamenti intensivi degli Stati Uniti e dell’Europa Settentrionale e che vengono commercializzati molto giovani e solitamente già sterilizzati (con un certificato che lo attesti) e con le sacche anali asportate per evitare l’odore molto forte. Attenzione però, perché entrambi gli interventi possono risultare pericolosi se mal praticati.

Sacculectomia e sterilizzazione

La sacculectomia (asportazione delle sacche anali) è una pratica inutile (a meno che non si sia in presenza di infezioni croniche o tumori). Un tempo veniva praticata perché si pensava che eliminasse il problema dell’intenso odore di selvatico che il furetto, sia maschio che femmina, emana. In realtà non è da lì che dipende il “problema”, ma dalla sua pelle ricca di ghiandole sebacee la cui attività dipende dall’azione degli ormoni sessuali. L’unico rimedio, è dunque la sterilizzazione. Tuttavia anche a quest’ultima bisogna fare attenzione, poiché ad essa è in parte legata una malattia surrenalica, l’iperadrenocorticismo. Si tratta di un ingrossamento delle ghiandole surrenali, cui consegue un’eccessiva produzione di ormoni sessuali che nel tempo può causare la formazione di un adenoma (tumore benigno), il quale, se trascurato, può trasformarsi in adenocarcinoma (maligno). È dimostrato che furetti sterilizzati in età precoce siano più predisposti alla malattia e che praticare la sterilizzazione in età più avanzata diminuisca proporzionalmente le probabilità di ammalarsi, ma non le elimina comunque del tutto.

L’unica prevenzione consiste, quindi, nel ritardare la sterilizzazione che va comunque praticata per evitare, oltre al forte odore sgradevole, altre complicazioni alle quali il furetto intero andrebbe incontro: l’iperestrogenismo nella femmina, la cui conseguenza è un’anemia letale; l’aggressività nel maschio, che lo renderebbe inadatto alla vita domestica.

Salute e comportamento

Come scegliere il furetto “giusto”? Lasciando da parte il lato estetico, le considerazioni da fare sono di carattere sanitario e comportamentale. Il furetto, qualunque sia la sua provenienza, dev’essere sano e docile, ma non eccessivamente timoroso; vivace, giocherellone e curioso, non mordace quando lo si prende in mano e desideroso di esplorare l’ambiente esterno alla gabbia. Il carattere ha una componente genetica: genitori di indole aggressiva potrebbero dar vita a furetti inclini a questo problema (tenendo in considerazione che soggetti interi sono mediamente più aggressivi di quelli sterilizzati).

Il pelo, poi, dev’essere lucido, senza croste o aree prive di pelo, e gli occhi lucidi e attenti, senza croste o muco, anche intorno al naso. I denti devono essere bianchi e regolari, non storti, rotti o macchiati, e le gengive rosa. Il corpo non deve presentare noduli o tumefazioni o essere eccessivamente magro. Le feci devono essere ben formate e, se in una gabbia con piùsoggetti si notano feci diarroiche, è il caso di escludere l’intero gruppo dalla nostra scelta.

Colore e carattere

Prestando attenzione al colore, consideriamo che il furetto panda, con la testa bianca, e blaze, con una striscia bianca sulla testa, può essere portatore di un gene che causa sordità. Per il resto, maschio o femmina è praticamente indifferente: entrambi vanno comunque sterilizzati e non vi sono differenze caratteriali che dipendano dal sesso, se non quelle individuali riferite alla personalità

Di Federica Forte (Riproduzione vietata)

Foto Shutterstock

Pubblicità

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Quattro Zampe su Instagram

@quattrozampe.rivista
Quattro Zampe

@quattrozampe.rivista

Conoscere e vivere in armonia con i pet, è questo l’obiettivo di Quattro Zampe. Leader nell’informazione sul mondo degli animali da compagnia.
Scopri il nuovo numero di Quattro Zampe, in edicola e in digital edition.

Guarda l'anteprima degli articoli di questo mese.
Scopri di più su www.quattrozampe.online

#amicianimali #petslover #ilmiocane #ilmiogatto #animalslovers
Scopri il nuovo numero di Quattro Zampe, in edicola e in digital edition. Guarda l'anteprima degli articoli di questo mese. Scopri di più su www.quattrozampe.online #amicianimali #petslover #ilmiocane #ilmiogatto #animalslovers
16 ore fa
View on Instagram |
1/9
Passione Cocker. Alessandra Lamarra pratica agility con la sua Namid Tecla del Vortice, meravigliosa Cocker Spaniel Inglese. Nella sua casa felice, insieme a suo marito, fanno parte di questo mondo cinofilo anche altri due Cocker: Heidi e Olaf. “Tecla è un Cocker Spaniel Inglese di sette anni e mezzo. Oltre a lei abbiamo, della stessa razza, Heidi e Olaf: anche loro fanno parte del mondo dell’agility, insieme a mio marito. A Pioraco, un piccolo paesino nelle Marche a circa 300 km da dove abitiamo, c’è il loro allevamento, desideravo così tanto Tecla, è stata un regalo per i miei 40 anni [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito 

Con @alfonsosabbatiniagilitytrainer 

#cocker #agilitydog #sportcinofili #ilmiocane #post
Passione Cocker. Alessandra Lamarra pratica agility con la sua Namid Tecla del Vortice, meravigliosa Cocker Spaniel Inglese. Nella sua casa felice, insieme a suo marito, fanno parte di questo mondo cinofilo anche altri due Cocker: Heidi e Olaf. “Tecla è un Cocker Spaniel Inglese di sette anni e mezzo. Oltre a lei abbiamo, della stessa razza, Heidi e Olaf: anche loro fanno parte del mondo dell’agility, insieme a mio marito. A Pioraco, un piccolo paesino nelle Marche a circa 300 km da dove abitiamo, c’è il loro allevamento, desideravo così tanto Tecla, è stata un regalo per i miei 40 anni [...] Leggi l'articolo sul nostro sito Con @alfonsosabbatiniagilitytrainer #cocker #agilitydog #sportcinofili #ilmiocane #post
2 giorni fa
View on Instagram |
2/9
🐾 È uscito il nuovo numero di Quattro Zampe! 🐾

🐶 Il cane buongustaio 

Ricci a tutto spiano su Quattro Zampe di questo mese! Partiamo con la razza del mese ossia il Lagotto Romagnolo, orgoglio italiano, cane “buongustaio” che fa onore alla cucina tricolore grazie alla sua particolare abilità nel saper scovare il tartufo. Ma è anche un pet multitasking: docile, sensibile, affabile, socievole, giocherellone, molto attaccato al suo umano. Doti che condivide con l’altro cane che vi presentiamo, il San Bernardo, il gigante buono pronto a dare la vita pur di salvarci. 
🐱 Per gli appassionati dei felini, conosciamo insieme il Toyger, vera tigre in miniatura, ma solo come aspetto perché ha un carattere docile e tranquillo [...]

Scopri cosa contiene il numero di febbraio 2023 in versione digitale o in edicola (Link in bio)

#amiciaquattrozampe #petslovers #pets #amicianimali #editoriale
🐾 È uscito il nuovo numero di Quattro Zampe! 🐾 🐶 Il cane buongustaio Ricci a tutto spiano su Quattro Zampe di questo mese! Partiamo con la razza del mese ossia il Lagotto Romagnolo, orgoglio italiano, cane “buongustaio” che fa onore alla cucina tricolore grazie alla sua particolare abilità nel saper scovare il tartufo. Ma è anche un pet multitasking: docile, sensibile, affabile, socievole, giocherellone, molto attaccato al suo umano. Doti che condivide con l’altro cane che vi presentiamo, il San Bernardo, il gigante buono pronto a dare la vita pur di salvarci. 🐱 Per gli appassionati dei felini, conosciamo insieme il Toyger, vera tigre in miniatura, ma solo come aspetto perché ha un carattere docile e tranquillo [...] Scopri cosa contiene il numero di febbraio 2023 in versione digitale o in edicola (Link in bio) #amiciaquattrozampe #petslovers #pets #amicianimali #editoriale
5 giorni fa
View on Instagram |
3/9
Felicità di specie. È diversa dalla nostra. Si manifesta in un cane che fa una passeggiata in campagna e in un bosco, che sprofonda in un tragitto olfattivo, attraversa fossi e insegue lepri, si perde tra rovi e graminacee. A volte mi si chiede se per gli animali può esistere quella condizione di pienezza e realizzazione che chiamiamo felicità, oppure se l’unica sensazione che può essere ammessa alle altre specie è un momentaneo stato di gioia, molto radicato nel qui e ora della situazione [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio)

Con @siua_scuola 

#comportamentocane #emozionicanine #amiciaquattrozampe #ilmiocane #post
Felicità di specie. È diversa dalla nostra. Si manifesta in un cane che fa una passeggiata in campagna e in un bosco, che sprofonda in un tragitto olfattivo, attraversa fossi e insegue lepri, si perde tra rovi e graminacee. A volte mi si chiede se per gli animali può esistere quella condizione di pienezza e realizzazione che chiamiamo felicità, oppure se l’unica sensazione che può essere ammessa alle altre specie è un momentaneo stato di gioia, molto radicato nel qui e ora della situazione [...] Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio) Con @siua_scuola #comportamentocane #emozionicanine #amiciaquattrozampe #ilmiocane #post
6 giorni fa
View on Instagram |
4/9
Dog Human Fitness. Allenarsi in due, uomo e cane, fa bene alla mente, ma soprattutto al corpo. Condividere questa attività insieme e farla praticare a chi non l’ha mai fatta è una gioia infinita. Nel 2014 trascorro una settimana di vacanza a New York con la mia famiglia. Mio figlio Alessandro era nato da poco, era un’ottima occasione per viaggiare oltreoceano insieme. In quel periodo lavoravo come istruttore cinofilo e mi interrogavo su come rendere il rapporto con il cane ancor più intenso ed emozionante [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio)

Con @federazionesportcinofili 

#DogHumanFitness #sportcinofili #Fisc #ilmiocane #post
Dog Human Fitness. Allenarsi in due, uomo e cane, fa bene alla mente, ma soprattutto al corpo. Condividere questa attività insieme e farla praticare a chi non l’ha mai fatta è una gioia infinita. Nel 2014 trascorro una settimana di vacanza a New York con la mia famiglia. Mio figlio Alessandro era nato da poco, era un’ottima occasione per viaggiare oltreoceano insieme. In quel periodo lavoravo come istruttore cinofilo e mi interrogavo su come rendere il rapporto con il cane ancor più intenso ed emozionante [...] Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio) Con @federazionesportcinofili #DogHumanFitness #sportcinofili #Fisc #ilmiocane #post
1 settimana fa
View on Instagram |
5/9
"Non abbandonateli!". Tanti ritratti a pastello dedicati a cani e gatti extrovatelli risorti a nuova vita grazie ad adozioni del cuore. 

Elisabetta De Maria è una pittrice pastellista iperrealista. Ama dipingere soprattutto cani e gatti venuti dalla strada, salvati dalle associazioni di volontariato e poi adottati da famiglie di buon cuore. Per lo più ritratti a pastello dei pelosi suoi e di tante altre persone, finora per un centinaio di opere a scopo benefico [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio)

Con @elisabetta_demaria_artist 

#noallabbandonodeglianimali #extrovatelli #amicianimali #amiciaquattrozampe #post
"Non abbandonateli!". Tanti ritratti a pastello dedicati a cani e gatti extrovatelli risorti a nuova vita grazie ad adozioni del cuore. Elisabetta De Maria è una pittrice pastellista iperrealista. Ama dipingere soprattutto cani e gatti venuti dalla strada, salvati dalle associazioni di volontariato e poi adottati da famiglie di buon cuore. Per lo più ritratti a pastello dei pelosi suoi e di tante altre persone, finora per un centinaio di opere a scopo benefico [...] Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio) Con @elisabetta_demaria_artist #noallabbandonodeglianimali #extrovatelli #amicianimali #amiciaquattrozampe #post
2 settimane fa
View on Instagram |
6/9
😞 Tristezza da #BlueMonday? Ci pensano i nostri #amiciaquattrozampe a tirarci su il morale!
⚠ ATTENZIONE: il video contiene pucciosità e taaanta tenerezza 🥰 si consiglia la somministrazione in ogni momento della giornata e in dosi massicce 💖

#StopBlueMonday #amicipelosi #tenerezza #tantecoccole #cuccioli
😞 Tristezza da #BlueMonday? Ci pensano i nostri #amiciaquattrozampe a tirarci su il morale! ⚠ ATTENZIONE: il video contiene pucciosità e taaanta tenerezza 🥰 si consiglia la somministrazione in ogni momento della giornata e in dosi massicce 💖 #StopBlueMonday #amicipelosi #tenerezza #tantecoccole #cuccioli
2 settimane fa
View on Instagram |
7/9
Sempre insieme. Cremazioni singole per alleviare il dolore del distacco. “A metà degli anni ‘90 mi lasciò il mio Pastore Tedesco Zeus, il cane della mia vita. Per onorarlo al meglio trovai un impianto a Verbania che eccezionalmente accettò di cremarlo da solo. È stata la prima cremazione singola in Italia. Dopo due mesi ricevevo a casa la cassettina con le sue ceneri e in quell’istante per me il cerchio si era chiuso, lui era ritornato a casa. Già lavoravo in ambito di servizi al pet e dopo questa forte emozione volli proporre il servizio di cremazione singola [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio)

#petmemory #cremazioneanimali #amicianimali #amiciaquattrozampe #post
Sempre insieme. Cremazioni singole per alleviare il dolore del distacco. “A metà degli anni ‘90 mi lasciò il mio Pastore Tedesco Zeus, il cane della mia vita. Per onorarlo al meglio trovai un impianto a Verbania che eccezionalmente accettò di cremarlo da solo. È stata la prima cremazione singola in Italia. Dopo due mesi ricevevo a casa la cassettina con le sue ceneri e in quell’istante per me il cerchio si era chiuso, lui era ritornato a casa. Già lavoravo in ambito di servizi al pet e dopo questa forte emozione volli proporre il servizio di cremazione singola [...] Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio) #petmemory #cremazioneanimali #amicianimali #amiciaquattrozampe #post
2 settimane fa
View on Instagram |
8/9
Cani autocoscienti si riconoscono allo specchio? Ecco perché hanno una coscienza del proprio corpo: lo provano studi scientifici. L’ abilità di essere autocoscienti e di riconoscersi nello specchio è una dote attribuita principalmente agli umani. Questo tema risale a pensieri filosofici che hanno inizio con gli antichi greci. La capacità di essere autoconsapevoli indica che il soggetto è anche capace di pensare, distinguere e mostrare empatia. Cartesio scrisse: cogito ergo sum, ossia, penso, quindi sono, per definire la certezza dell’essere umano di essere un soggetto pensante [...]

Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio)

Con @drdogtrainer 

#coscienzacanina #comportamentocane #ilmiocane #amiciaquattrozampe #post
Cani autocoscienti si riconoscono allo specchio? Ecco perché hanno una coscienza del proprio corpo: lo provano studi scientifici. L’ abilità di essere autocoscienti e di riconoscersi nello specchio è una dote attribuita principalmente agli umani. Questo tema risale a pensieri filosofici che hanno inizio con gli antichi greci. La capacità di essere autoconsapevoli indica che il soggetto è anche capace di pensare, distinguere e mostrare empatia. Cartesio scrisse: cogito ergo sum, ossia, penso, quindi sono, per definire la certezza dell’essere umano di essere un soggetto pensante [...] Leggi l'articolo sul nostro sito (Link in bio) Con @drdogtrainer #coscienzacanina #comportamentocane #ilmiocane #amiciaquattrozampe #post
2 settimane fa
View on Instagram |
9/9