Pubblicità

Vacanza pet-friendly: come prenotarla e come comportarsi

di Redazione Quattro Zampe

vacanza pet friendly

Arriva l’estate, ma siamo pronti ad affrontare una vacanza pet-friendly? Lo Sportello Legale Oipa riceve spesso richieste di chiarimento sull’argomento e purtroppo, anche alcuni racconti negativi al rientro dai viaggi estivi. Per esempio, alcuni viaggiatori denunciano di aver trovato case non adatte ai pet, ovvero problemi ad accedere in spiaggia con il proprio cane.

Vediamo allora alcune situazioni potenzialmente problematiche e i consigli di Oipa su come possiamo porre rimedio in modo da riuscire a goderci al meglio una vacanza pet-friendly.

Mai improvvisare una vacanza pet-friendly

Per tutelare al meglio il nostro animale da compagnia e trascorrere vacanze serene, è bene non improvvisare: cerchiamo, quindi, di conoscere le basilari regole in materia per affittare una casa vacanza con il nostro pet.

Prima della caparra…

La prima cosa da fare per prenotare una casa vacanza che accetti il nostro cane/gatto (o altro animale) è quella di informarsi prima di vincolarsi versando la caparra per l’acconto.

Conferma scritta

Il consiglio è, quindi, di ottenere conferma scritta, che possiamo portare tranquillamente il nostro animale, dall’agenzia immobiliare alla quale ci siamo rivolti o dal proprietario della casa, in quanto sono le parti che possono liberamente determinare nel contratto tale possibilità: non vi è alcuna limitazione prevista dalla legge in questo caso.

Supplemento del pacchetto vacanza

Talvolta, il contratto “vacanza” prevede il pagamento di un “supplemento” nel prezzo richiesto per una specifica pulizia della casa, eseguita una volta terminato il nostro soggiorno. Anche in questo caso, il prezzo è oggetto di “libertà contrattuale” tra le parti e non imposto per legge.

Pernottamento in albergo

vacanza-pet-friendly1E se decidiamo di pernottare in albergo, come funziona? Come già consigliato, non dobbiamo improvvisare, avendo ampia possibilità di informarci preventivamente per evitare sgradevoli sorprese. Possiamo conoscere prima le condizioni di pernottamento dell’albergo indicate sul relativo sito internet e, se la struttura è “pet friendly”, dobbiamo speci care in fase di prenotazione di avere con noi un cane\gatto (o altro animale).

Accesso “off limits”

Sempre in ambito di pernottamento alberghiero a volte, per prassi, viene previsto accesso “off limits” con il cane nella zona ristorante: in questa ipotesi, anch’essa indicata (almeno dovrebbe!) nel regolamento dell’albergo, la limitazione viene prevista esclusivamente per motivi di igiene a scelta dell’esercente stesso.

Sempre più strutture per una vacanza pet-friendly

È bene sapere che sempre più strutture alberghiere sono aperte ai quattro zampe e alcune sono dedicate interamente ai cani, con tanto di giochi, piscina per loro, cena a sei zampe e, addirittura, un menu a prova di bau.

Compagnia: ognuna diversa dall’altra

Altro argomento piuttosto “spinoso” è rappresentato dal viaggio in nave: possiamo portare con noi il cane o gatto e, in caso affermativo, come funziona? Ogni compagnia marittima predispone il proprio regolamento di trasporto mediante il quale viene previsto se gli animali siano ammessi o meno e, in tal caso, come portarli con sé.

In alcune situazioni, infatti, viene concesso l’accesso anche in cabina, in altri, invece, vi è un’area apposita dedicata alla custodia degli animali mentre, in altri ancora, purtroppo, vige il divieto assoluto di trasporto.

Parchi naturali e guinzaglio

Passando dal mare ai monti, se abbiamo optato per una vacanza in mezzo alla natura, è bene tenere presente che la maggior parte dei parchi naturali vieta, o limita alcune aree, ai cani anche se tenuti al guinzaglio. La motivazione è dettata perché i quattro zampe possono essere portatori di patologie parassitarie e infettive per la fauna selvatica e, la relativa presenza, può essere fonte di stress negli animali presenti nell’ecosistema. È necessario, quindi, veri care sul sito del Parco che intendiamo visitare quali siano le restrizioni.

Bastano piccoli accorgimenti

In conclusone, per affrontare serenamente una vacanza pet-friendly o un viaggio a sei zampe è necessario organizzarsi e informarsi con anticipo, bastano piccoli accorgimenti per evitare sgradevoli sorprese.

 

 

 

A cura di Claudia Taccani

Avvocato e responsabile Sportello legale Oipa

Immagine in apertura da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram