Pubblicità

Occhio al rapporto sbilanciato

di Roberto Marchesini

Young people at healthy pic nic breakfast with cute dog in countryside farm house - Happy friends millennials having fun together outdoors at garden party - Food and beverage lifestyle concept

La presenza del cane non è più una questione di possesso o di gestione, ma una dimensione di vita. È indispensabile, però, costruire una relazione equilibrata e allargata, anche frenando le aspettative

La relazione con il cane, così come si è andata configurando in questi ultimi quarant’anni, può essere definita come “affiliativa”, perché di fatto comporta l’integrazione del quattro zampe all’interno del nucleo di famiglia con una condivisione degli spazi più intimi – dalla cucina alla sala da pranzo – e una consuetudine altrettanto continuativa, articolata e profonda. Non si tratta, perciò, solo di convivenza o di coabitazione, ma di comunanza nei ritmi e nelle abitudini quotidiane, di penetrazione nella biografia delle persone, d’influenza sulle scelte più importanti della famiglia e persino d’intervento sulle dinamiche di gruppo.

Pubblicità

Con l’avvento dell’urbanesimo, il cane è entrato definitivamente nella casa modificando in modo profondo una relazione che prima si svolgeva più nell’attività esterna…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe luglio 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram