Pubblicità

Parassitosi intestinale nel cane

di Redazione Quattro Zampe

parassitosi intestinale cane

Non è raro, specie al ritorno da una vacanza, notare che il nostro cane sia dimagrito e abbia disturbi intestinali ricorrenti. Questa sintomatologia può essere causata da vari fattori, tra i quali non dobbiamo trascurare i parassiti intestinali.

Durante le scampagnate all’aperto di solito Fido fa più vita all’aria aperta, scorrazza per i prati, scava buche e si rotola sull’erba: con facilità può ingerire residui di cibo trovati all’aperto, e altrettanto facilmente può bere acque sporche. Sono tutti fattori predisponenti alle parassitosi. I parassiti più frequenti sono i vermi. Tra questi ricordiamo quelli che il cane assume direttamente dal terreno, perché sono i più frequenti e possono colpire anche gli animali più “educati”, che non vanno a cercare cibi avariati: ascaridi, ancylostomi e tricocefali. I primi possono passare del tutto inosservati o dare sintomatologia generalmente lieve e cronica: diarree ricorrenti,

dimagrimento, lieve anemia. Gli ancylostomi sono ematofagi, e quindi, nelle infestazioni massicce, oltre ai disturbi a carico del tratto gastroenterico, possono dare anemie anche gravi. Sia ascaridi che ancylostomi possono penetrare per ingestione o attraverso la cute. In quest’ultimo caso potranno essere presenti lesioni della pelle degli arti. I tricocefali vengono ingeriti e si sviluppano nell’intestino cieco, a carico del quale provocano una infiammazione cronica che si manifesta con alterata fermentazione, gonfiore, diarrea e vomito. Più rara è l’infestazione da strongili polmonari che, assunti per ingestione di ospiti intermedi come le lumache, provocano broncopolmoniti difficilmente differenziabili da quelle batteriche e diagnosticabili tramite esami delle feci eseguiti con tecnica particolare (Baermann).

Come si può vedere, le malattie conseguenti a queste infestazioni sono tutte simili tra loro e poco distinguibili da altre patologie a carico del sistema digerente e/o respiratorio. È per questo che, una volta l’anno, molti veterinari consigliano un trattamento antiparassitario interno o, almeno, un esame delle feci di controllo. Una raccomandazione: se si effettua un trattamento contro i vermi bisognerà ricordarsi di ripetere la somministrazione dopo un periodo che verrà indicato dal veterinario. Il farmaco, infatti agisce solo sui parassiti già adulti o quasi, per cui una dose isolata non sarebbe efficace contro le forme larvali eventualmente presenti nell’organismo del cane. A tutto ciò dovremmo aggiungere un discorso relativo ai protozoi (giardia, coccidi e altri) che affronteremo un’altra volta.

di Alessandro Arrighi

©Riproduzione riservata

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram