Emobartonellosi: l’infezione nel sangue trasmessa dalla pulce nei gatti

di Redazione Quattro Zampe

Gatto tigrato

L’Emobartonellosi è una malattia infettiva molto frequente nei nostri gatti. È causata dal Mycoplasma Haemofelis, un microorganismo che aderisce alla membrana esterna dei globuli rossi, alterandone la configurazione antigenica e provocando così una anomala risposta del sistema immunitario del paziente, che aggredisce le cellule infettate, distruggendone una buona parte. Il Mycoplasma, classicamente, penetra nell’organismo tramite la puntura di pulci o, più raramente, zecche, che lo veicolano con il morso. Le gatte infette possono trasmettere la malattia alla prole.

L’enorme diffusione delle pulci fa sì che tantissimi gatti possano infettarsi durante la loro vita, tuttavia non tutti sviluppano la malattia (Anemia Infettiva Felina) perché il microorganismo è debole e generalmente, pur presente all’interno dell’ospite, provoca l’insorgenza del quadro clinico solo se aiutato da fattori che inducono immunodepressione. È raro che si evidenzino sintomi acuti. Il gatto può arrivare alla visita manifestando debolezza, pallore delle mucose e temperatura leggermente alterata, oppure segni riferibili ad altre malattie cui l’Emobartonellosi può essere associata. Le più comuni, tra queste, sono le infezioni da Virus Leucemia, Virus dell’ Immunodeficienza, Virus della Peritonite Infettiva, oppure qualunque patologia cronica debilitante.

In tutti i casi di Emobartonellosi sarà corretto indagare l’eventuale coesistenza di queste problematiche. La massiccia presenza di pulci sull’animale può aiutare non poco a emettere il sospetto. Alla diagnosi si arriva mediante evidenziazione microscopica del parassita nello striscio di sangue. Gli esami di laboratorio potranno mostrare segni più o meno marcati di anemia emolitica. La terapia prevede l’impiego di antibiotici della classe delle Tetracicline e, nei casi più acuti, di Cortisone contro i meccanismi infiammatori autoimmuni.

Ovvio che, nei casi in cui sia evidente la presenza di una patologia predisponente sottostante, sarà importante ottenerne il controllo per evitare continue ricadute. Nei gatti non curati la mortalità può essere del trenta per cento.

La terapia è di solito molto efficace, ma il paziente normalmente resta portatore sano dell’infezione, che potrà riattivarsi in caso di debilitazione o immunodepressione; sarà quindi necessario programmare controlli periodici.

Di cosa si tratta

Malattia infettiva dal Mycoplasma Haemofelis

Come si cura

Terapia medica

 

di Alessandro Arrighi
foto di Shutterstock

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Per calcolare l’età del gatto in anni umani, è molto di...

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Come calcolare l’età del cane in anni umani

Nel calcolare l'età del cane, comunemente si crede che...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram