Pubblicità

Immunodeficienza felina: il gatto “FIV-positivo”

di Redazione Quattro Zampe

Immunodeficienza felina

Il virus dell’immunodeficienza felina appartiene alla famiglia delle retroviridae, la stessa del virus dell’Aids. Questa affinità (che è solo parziale) crea timori ingiustificati tra i proprietari di gatti, ai quali possiamo dire con certezza che non è possibile essere contagiati dai nostri amici felini.

L’infezione, particolarmente frequente nei gatti randagi, avviene essenzialmente tramite scambio di sangue.

Classicamente è il morso che fa passare il virus da un gatto all’altro: la ferita provocata è di solito profonda, molto adatta ad accogliere qualunque microrganismo, e nella bocca del gatto morsicatore l’agente patogeno è ben presente sia per le microlesioni sanguinanti che spesso si riscontrano sulle gengive, sia perché la saliva è uno degli habitat preferiti dal virus Fiv.

A volte basta un morso

gatto-malatoL’accoppiamento può essere un’altra modalità di contagio, sia per il gesto in se stesso che per il morso dato dal maschio alla femmina per bloccarla. Una volta penetrato, il virus colonizza il sistema immunitario e provoca diminuzione di alcune popolazioni di linfociti. I gatti infetti hanno sintomatologie estremamente variabili e tendenzialmente croniche: febbre, anemia, linfonodi ingranditi, gengivite, diarrea cronica, uveite (infiammazione della camera anteriore dell’occhio), infezioni delle vie respiratorie ed altro. Molto spesso queste patologie non dipendono solo dall’azione diretta del virus, ma anche dall’ingresso di germi opportunisti. Rispetto all’Aids umano la malattia ha decorso più lungo e meno maligno, e se ciò è bene per il singolo gatto, è in realtà anche un pericolo per la “comunità felina” perché aumentando la sopravvivenza aumentano le possibilità di contagio.

Diagnosi di immunodeficienza felina

La diagnosi si fa mediante analisi di laboratorio. La terapia specifica non esiste ancora; si possono impiegare alcuni antivirali, immunomodulatori, cure mirate contro i germi opportunisti e terapie sintomatiche.

Non essendoci ancora il vaccino, l’unica prevenzione possibile è evitare l’incontro con gatti infetti.

La sterilizzazione è utilissima perché evita gli accoppiamenti e limita di molto l’aggressività intraspecifica dei maschi, che così evitano di mordere; anche le analisi “a tappeto” tra i gatti destinati alla riproduzione o che vivono liberi sono molto utili.

 

  • Di cosa si tratta – È una infezione virale che può causare una sindrome da immunodeficienza
  • Come si cura – Non esistono terapie; controllo e prevenzione sono l’unica vera arma

 

 

a cura di Alessandro Arrighi

foto da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

Cane sul letto. Si o no?

È un momento di sana condivisione che spetta a noi sce...

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Coccole sì, ma non troppe

I gatti sono imprevedibili, sornioni, coccoloni, imper...

7 modi per dirti ti amo

Molti ancora non ci credono eppure non c’è alcuna ombra...

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

Quattro Zampe su Instagram