Pubblicità

I danni dell’antropomorfismo

di Roberto Marchesini

Il cane ci sopporta nella nostra disabilità sociale, perché ha un cuore veramente grande. Per il gatto, poi, l’essere umano è qualcosa di ancor più incomprensibile

A volte mi chiedo cosa pensino i nostri beniamini a quattro zampe di noi. Non è un quesito bizzarro e inutile, visto che un filosofo come Thomas Nagel, in un lavoro ormai divenuto storico, si è chiesto già nel 1974 “What is it like to be a bat?”. Giusto, cosa si prova a essere un pipistrello? Siamo in grado di capirlo? Una quindicina di anni fa l’editorialista di Nature, Stephen Budiansky, pubblicò un libro il cui titolo era estremamente chiaro – “Se un leone potesse parlare” – che peraltro prevedeva un sottotitolo altrettanto esplicito: “noi non potremmo capirlo”.

Roberto Marchesini – filosofo, etologo, saggista italiano e direttore della Scuola interazione uomo animale.

Seguendo queste indicazioni comprendiamo come l’antropomorfismo, ossia l’attribuire ai soggetti di altre specie caratteristiche umane, sia una forzatura che non tiene conto del fatto che ogni animale ha una sua peculiare immersione nel mondo…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe settembre 2020

Continua a leggere sulla rivista digitale

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Hotel Marina

L’Hotel Marina è il primo hotel certificato FCC Welcom...

Quattro Zampe su Instagram