Dogtrekking tra le vigne di Franciacorta

di Maria Paola Gianni

Dogtrekking

In Franciacorta, in un territorio da sogno con vigneti e aziende agricole delizione, i nostri amici a quattro zampe sono accolti con calore e non si annoieranno di certo praticando un po’ di dogtrekking.

Siamo nell’azienda agricola Castelveder, nel cuore della Franciacorta, a Monticelli Brusati, in provincia Brescia. Qui troviamo una cantina davvero dog-friendly. I padroni di casa, infatti, sono lieti di guidare i fortunati visitatori tra vigne e cantine, in compagnia del proprio quattro zampe.

Anzi, ad accoglierci è Ginger, uno splendido Bracco, molto esuberante e affettuoso, un concentrato di energia che dà un benvenuto tutto particolare, tra scondinzolii e simpatiche annusatine.

La famiglia Alberti è pronta a portarci in giro, presentando il territorio e illustrando il metodo di produzione del famoso Franciacorta docg, con le sue tecniche di vinificazione.

E tutto questo con un’accoglienza pet-friendly così ancora poco diffusa tra le cantine d’Italia.

Il bello è che nell’area attorno all’azienda Casteveder ci sono splendidi percorsi a piedi tra valli rigogliose, panorami mozzafiato, boschi, ruscelli e riserve naturali.

Camilla Alberti ci indica dove andare e quali passeggiate percorrere per divertirsi col cane.

dogtrekkingNoi siamo andati a trovarla, insieme a Domenico Sarleti di TripDoggy e al suo splendido Sirio, un dolcissimo simil-Border Collie e abbiamo percorso una bella passeggiata tra boschi, ricca vegetazione e vigneti in terra di Franciacorta.

L’accoglienza è stata davvero al top, splendida e altamente professionale, da provare assolutamente. E i vini assolutamente eccellenti.

Dogtrekking

Le vie del Franciacorta sono ormai un “cult” del “winetrekking”. E un’opportunità in più per i “wine lovers” che amano davvero i loro amici a quattro zampe e vogliono offrire ai loro cani l’opportunità di correre senza guinzaglio e praticare del sano dogtrekking.

Ecco, dunque, che il winetrekking passa per le vigne di Franciacorta e si snoda nei 34 ettari della tenuta dell’Azienda Al Rocol di Ome (Brescia), che ha mappato i percorsi più belli dal punto di vista paesaggistico e anche atletico-sportivo.

Fattoria didattica e corsi

L’azienda agricola Al Rocol, inoltre, offre ai più piccoli la possibilità di riscoprire le tradizioni contadine e i sapori genuini dei prodotti del territorio nel pieno rispetto della natura e dell’ambiente.

I bambini, sempre accompagnati dai genitori, possono passeggiare nella fattoria e accarezzare gli asinelli, le caprette, i simpatici coniglietti, i maiali pasticcioni e le paperelle.dogtrekking

I più grandi, invece, possono fermarsi nella cantina-enoteca, partecipare a corsi didattici sul vino o sull’olio, oppure sperimentare nella cucina dell’agriturismo, sempre assistiti dallo chef Fabio Orizio e Daniela, la fantastica padrona di casa, gustose ricette della tradizione bresciana.

In provincia di Brescia

Ma dove ci troviamo esattamente? La Franciacorta è una zona ristretta della Provincia di Brescia posta a sud del lago d’Iseo e compresa fra il fiume Oglio, emissario del lago, l’autostrada Milano-Brescia e la via che da Brescia porta in Vallecamonica.

È un terreno ricco di magni che colline, in un panorama antico e familiare, conservato attraverso i secoli, dove le splendide ville rinascimentali e i castelli medioevali delle famiglie patrizie bresciane si alternano con piccoli paesi.

Strada del Franciacorta

In questi splendidi scenari naturalistici nel 2000 nasce l’associazione Strada del Franciacorta che mira a promuovere e sviluppare le potenzialità turistiche del territorio, in particolare, quelle legate all’enogastronomia: un punto di riferimento per turisti, sia singoli che gruppi, tour operator, agenzie di viaggi, guide e accompagnatori turistici, garantendo loro un supporto organizzativo per ricevere informazioni e servizi, costruire itinerari e scoprire più da vicino le svariate opportunità che quest’area, da sempre vocata alla viticoltura, situata tra il lago d’Iseo e la città d’arte di Brescia, può offrire.

Tanti e davvero variegati i percorsi a piedi, in compagnia del pet. Come l’itinerario a piedi di Monte Orfano”, lungo poco più di cinque chilometri da percorrere in circa due ore e mezza.

dogtrekkingOppure un’escursione ancora più breve e facile, dal paese di Erbusco, adatta a tutte le famiglie, che attraversa i vigneti su comode strade, con dislivello minimo: dura solo un’ora e mezza, per chi non volesse impiegare troppo tempo, ma comunque intenda conoscere e apprezzare il territorio.

Da consigliare anche un altro itinerario semplice, di circa due ore e mezza di passeggiata, lungo otto chilometri, che parte nei pressi dell’oratorio di Borgonato dedicato ai Santi Francesco e Chiara situato in via Cavour, qui c’è anche un parcheggio e, a circa trecento metri, la stazione ferroviaria. Per cui è facilmente raggiungibile.

Boschi e torrenti

Chi preferisce, invece, andar per boschi e torrenti, può arrivare al paese di Monticelli Brusati (non senza andare a trovare l’azienda agricola pet- friendly Castelveder) e lasciare l’auto in uno dei piccoli parcheggi tra il paese e le frazioni di Gaina o Foina.

A Gaina va raggiunta la piccola piazza dove, in prossimità di una fontanella e di una madonnina, c’è una stradina a sinistra, indicata anche dal cartello “Sc”. Dopo cento metri inizia la strada sterrata da dove si seguono i vigneti e gli ulivi no al cartello che indica il percorso: “Variante A” (più facile e che consigliamo), che prosegue nel bosco e solo in seguito guada il torrente Gaina.

In due ore e mezza si percorrono quasi quattro chilometri di natura e relax, dove il nostro cane potrà rinfrescarsi e annusare i numerosi profumi e odori del luogo.

Torrente gandovese

Altra passeggiata, questa volta di un’ora e un quarto per quasi tre chilometri: lungo il Torrente Gandovese e quasi tutta asfaltata, adatta alle famiglie, interamente su una comoda strada di breve lunghezza e con un dislivello minimo.

Dal paese di Ome, proprio dove si trova l’agriturismo “Al Rocol”, si raggiunge la frazione Valle,

parcheggiare all’entrata e attraversare la piccola frazione passando davanti alla Chiesa e ad altri edifici tipici del centro (sarà facile individuarli perché ci sono diversi cartelli didattici sul posto).

Seguire le indicazioni per “Orto botanico delle conifere coltivate” e costeggiare il torrente Gandovere.

dogtrekking5Da qui si potrà raggiungere la “torre di Ertina” di epoca medievale e il “mulino di Er- tina”, stessa epoca, raggiungibile con una piccola deviazione a sinistra, su una stradina sterrata. Si arriva, poi, al momento del relax, nell’area pic-nic “Paradiso”.

Cantina Solive

Altra location pet-friendly è la “Cantina Solive“, situata nel comune di Erbusco.

Qui è possibile seguire degustazioni guidate in compagnia del pet. Le Tenute dell’azienda agricola Solive si estendono su una superficie di trenta ettari nei comuni di Torbiato, di Adro e Cortefranca.

Ben ventotto ettari sono oggi adibiti a vigne, nella varietà dei vitigni Chardonnay, Pinot Bianco, Pinot Nero, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Nebbiolo e Merlot.

Non resta che augurare a tutti buone degustazioni, ma con moderazione.

 

 

 

A cura di Maria Paola Gianni
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© Riproduzione riservata.

Partner

I più letti

cane-incinta

Come capire se il cane è incinta?

Capire se il cane è incinta non è sempre così semplice...

Quando un cane mangia poco: le cause dell'inappetenza

Perché il cane beve tanto? 4 motivi oltre la sete

A volte non è solo questione di sete. Vediamo perché il...

Filaria e leishmania addio!

Da anni filariosi cardiopolmonare e leishmaniosi sono...

Fa la pipì sul divano

Fa la pipì sul divano? Puliscila così

Il gatto fa la pipì sul divano! Putroppo può succedere...

coda gatto significato

10 movimenti della coda del gatto da interpretare

Per noi umani comunicare è semplice, oltre alla capacit...

Quattro Zampe su Instagram