Pubblicità
Pubblicità

Tartufo bianco d’Alba Re del bosco

di Maria Paola Gianni

Tartufo bianco d’Alba Re del bosco
Foto di Maria Paola Gianni

Non esiste alcuna cerca senza il miglior amico dell’uomo. E nella città regina delle Langhe e del Roero, il prezioso frutto della terra è ancora più protagonista durante la Fiera internazionale

Il naso del cane si chiama tartufo. E forse non è un caso, visto che grazie ai suoi 500 milioni di recettori olfattivi – contro i nostri 20 milioni – il miglior amico dell’uomo è fondamentale e insostituibile per scovare il tartufo, fungo ipogeo. È emozionante pensare a come ogni “trifulau” – ossia cercatore di tartufi – batta con tanta pazienza, magari fino a sei ore, i vari sentieri sotto il chiaro della luna con l’indispensabile collaborazione di un abilissimo cane, formato ad hoc.

Pubblicità
Tartufo bianco d’Alba Re del bosco
A Roddi, in provincia di Cuneo, esiste un’università particolare dove i cani studiano per laureare il proprio olfatto alla ricerca dei tartufi più pregiati

Tra territorio, natura, rapporto uomo-animale ed enogastronomia, Alba, città di origini romane, è la regina delle Langhe e del Roero e la patria del tartufo bianco. L’occasione ghiotta, nel vero senso del termine, per visitare questa splendida area è stata il viaggio stampa organizzato dall’ Ente Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba volto a sensibilizzare e promuovere il territorio, anche ripristinando le tartufaie in declino di produzione…

Articolo pubblicato su Quattro Zampe di Dicembre 2022 – Gennaio 2023

Continua a leggere sulla rivista digitale

Per approfondire

www.fieradeltartufo.org

© Riproduzione riservata.

Alcune abitudini di cani e gatti possono diffondere pericolosi parassiti.

Puoi trattare i parassiti intestinali con i prodotti Vetoquinol.